«Milano diventerà la capitale dell’eco-turismo»

La Moratti: «Pronti a finanziare progetti come quelli ideati per la corsa all’Expo»

«Ho sempre sentito parlare di quanto sia indispensabile definire sinergie comuni per generare un’offerta turistica integrata adeguata - ha spiegato l’assessore al Turismo e Marketing Territoriale, Massimiliano Orsatti -. A Milano pubblico e privato hanno definito per la prima volta un’unica e forte collaborazione per fare della Metropoli una vera città turistica non solamente legata al business. Milano è turismo - ha proseguito - è il brand che consentirà al nostro territorio, con strategie condivise dai partner del costituendo Sistema Turistico Città di Milano, di accrescere la propria attrattiva». Un sistema che vuole promuovere Milano non solo come meta tradizionale per il turismo d’affari o congressuale, ma soprattutto quale destinazione ideale per un turismo artistico, culturale ed enogastronomico, con la valorizzazione delle tante eccellenze sul territorio, incoraggiando lo sviluppo di iniziative, manifestazioni e appuntamenti dal forte richiamo turistico, sia regionali, ma anche nazionali e soprattutto internazionali. Ma i progetti per la Milano turistica di domani passano anche dalla Borsa telematica dell’agroalimentare, per rendere più facile l’ingresso sul mercato di quelle «tipicità» che sono lontane dai mercati principali, anche perché prodotti in piccola scala e quindi incapaci di competere su larga scala. «È solo uno dei progetti che offriamo - ha spiegato il sindaco Letizia Moratti all’inaugurazione della Bit -, ne abbiamo molti altri e sono tutti concreti, come quelli di partnerariato con altri Paesi, come quelli che stiamo sviluppando dal lancio della candidatura per l'Expo e che hanno già portato risultati alla nostra città. Milano – ha proseguito - è pronta a offrire anche master di turismo che insegnino a gestire un evento fieristico da un punto di vista manageriale e come occasione per costruire il proprio capitale umano. Questa edizione della Bit ne è un esempio. Sono cresciuti il numero dei Paesi, tanti quelli che sono venuti per la prima volta o che sono tornati. Un evento che ha portato e porta risultati positivi».
Il sindaco ha parlato anche di una Milano «pronta a finanziare progetti di tutela delle biodiversità e di prevenzione delle catastrofi naturali, perché questi paesi non vedano il proprio mercato turistico distrutto a causa di eventi del genere».
\