Milano e Siena, che brutte la prima reginetta è Roma

Milano e Siena si guardano in cagnesco dalla montagna della sofferenza in un esordio che speravano molto diverso anche se alla fine hanno vinto: l'Armani se la cava in volata contro Teramo, battuta ai supplementari trovati sul tiro libero sbagliato dall'avvelenato Hall che l'aveva raggiunta e superata prima che si scatenasse il Mancinelli salito davvero al piano superiore come giocatore, il Montepaschi scavalca Cremona negli ultimi due minuti di una partita ad inseguimento, era andata anche a meno 14, dove ha perduto ben 20 palloni, un crimine nella chiesa della perfezione di Simone Pianigiani che non si aspettava tanti passi indietro dopo la convincente vittoria nella supercoppa contro Bologna.
Vincere fa sempre bene e lascia il sereno in vista dell'esordio europeo di giovedì (Milano a Mosca, Siena in casa con lo Cholet), ma per tutte e due le grandi favorite sono successi che lasciano aperti molti dubbi, anche se capita all'esordio in campionato. Chi invece non ha tentennato è Roma, pur venendo da un periodo dove ha avuto anche 9 infortunati, ma contro Brindisi si è vista la faccia nuova della Lottomatica che non si è scomposta neppure quando sulle tribune dell'Eur ha trovato ben tremila tifosi pugliesi e ora si prepara all'esordio casalingo di Eurolega contro il Bamberg mercoledì prossimo avendo scoperto due ragazzi di scuola slava davvero eccellenti come Dasic e Dedovic.
E' andata molto peggio a due protagoniste dell'anno scorso, ma se la sconfitta di Cantù in volata a Bologna contro la Virtus ci può anche stare, quella subita in casa da Caserta contro Biella farà malissimo ad una squadra che ha sempre delle strane crisi d'identità davanti alla sua gente.
Sembra aver cominciato bene anche la Benetton che ha battuto Avellino, torna in serie A con un bella vittoria su Pesaro il Recalcati che al ventesimo campionato nella massima serie ha promesso a Varese una salvezza nella stagione più difficile, quella della rifondazione societaria.

Risultati 1ª giornata: Teramo-Milano 83-89 (dts), Cremona-Siena 68-71, Bologna-Cantù 68-66, Caserta-Biella 87-91, Montegranaro-Sassari 88-76, Roma-Brindisi 86-61, Treviso-Avellino 88-70, Varese-Pesaro 87-78.