Milano, Expo crea 70mila opportunità

MilanoIl motore di Expo si sta scaldando e a breve ingranerà la quarta. Perciò è importante farsi trovare pronti. I posti di lavoro che nasceranno saranno tanti, tantissimi: si parla di introiti pari a 44 miliardi di euro e di 70mila nuove occupazioni. Magari a tempo determinato, ma pur sempre di lavoro si tratta. E allora, che si cominci da ora a guardarsi intorno per non perdere il treno.
Un esempio. Milano e dintorni cambieranno volto: gli spazi saranno riqualificati, gli immobili ristrutturati, i cantieri non si conteranno. A dettare le nuove dinamiche urbane saranno gli ingegneri e gli architetti del master dedicato a Expo organizzato dal Politecnico di Milano, in collaborazione con altri atenei, e da Assoedilizia (contatti: centro studi Polis Maker, tel. 031/3327369). Gli «strateghi» urbani decideranno come trasformare piazze e strade, come gestire i collegamenti e migliorare la qualità dell’ambiente, in vista di rapporti sempre più internazionali.
A proposito di internazionalità, fondamentale per i milanesi sarà masticare un po’ di inglese onde evitare figuracce con gli stranieri. L’Unione del commercio di Milano sta già organizzando corsi in lingua per tutti i negozianti (contatti: Unione del commercio, tel. 02/77501): una bella opportunità per gli insegnanti che vogliono arrotondare lo stipendio con qualche lezione in più.
Anche il turismo, destinato a introiti di oltre sette miliardi di euro, sta affilando le armi per sfruttare al meglio il 2105, anno d’oro per gli affari. Alberghi e ristoranti prevedono un aumento del lavoro e dei guadagni del 25 per cento. Che significa: posti di lavoro in più per chi esce dalle scuole alberghiere, per cuochi, camerieri, hostess e imprese di pulizie (contatti: a Milano le scuole alberghiere sono l’istituto Amerigo Vespucci, tel. 02/7610162, il Carlo Porta, tel. 02/38003686 e l’Istituto Lagrange, tel. 02/66222804).
Altra occasione: Assoedilizia ha deciso di riqualificare le cascine, le magioni e i casali intorno a Milano per dare agli espositori di Expo e agli operatori che arrivano dall’altro lato del mondo un’alternativa all’albergo, nel cuore delle campagne lombarde. Zone in cui esistono abitazioni spesso bellissime ma poco attrezzate a ospitare i turisti in bed & breakfast. I proprietari privati interessati a trasformarsi in imprenditori dietro a una reception possono farlo.
Expo sarà l’occasione per dare inizio alla nuova attività, ma anche dopo il 2015 si potranno organizzare eventi e ospitare i turisti. (contatti: Alessandro Belgiojoso, tel. 02/5510086). Il capitale investito nei progetti, tramite finanziamenti a fondo perduto, permetterà al singolo proprietario di intraprendere lavori, rendendo produttiva la cascina.
La zona intorno alla fiera di Rho, l’area che ospiterà Expo 2015, si sta già trasformando: negli ultimi mesi sono nate un migliaio di piccole imprese e attività, registrando un incremento del 20 per cento. Ed è solo l’inizio. Perciò è facile immaginare che a breve verranno assunti operai, trasportatori e impiegati. Ci sarà lavoro per parcheggiatori e addetti alla sicurezza e imprese edili.