La Milano fantasma di Giovanni Cerri

Milano può diventare tetra e vuota, apparire una città fantasma. È l’arte di Giovanni Cerri, che la trasforma in una tela di carta e con i colori ad olio la restringe a suo piacimento. Nella mostra dal titolo «Milano in venti metri quadri», le opere di Cerri saranno esposte fino al 20 giugno, presso la Galleria d’Arte Contemporanea «Officina dell’arte», a Rho. Il quotidiano di carta avvolge la tela e il colore traccia sul giornale i cieli e i ponti, le finestre grigie e i palazzi desolati. Solo qualche tocco di colore chiaro ridefinisce i contorni. Una vena di malinconia la sua, mentre il presente diventa passato.