A Milano i turisti spendono un miliardo l’anno per lo shopping

Lo shopping favorisce il turismo. Perlomeno in città visto che il 70 per cento dei visitatori sceglie Milano proprio per fare spese e il 43 per cento ridurrebbe il soggiorno se non avesse compere da fare. Non solo Duomo, insomma. E neanche Cenacolo o Castello. Gli stranieri che passano per il capoluogo lombardo sono attratti anche dalle griffe e dalle vie della moda. A calcolare l’indotto per il turismo nella cifra di un miliardo l’anno è la Camera di commercio che ha illustrato i dati nella ricerca «Shopping a Milano» realizzata tramite lo Iulm nel 2009. Il punto di riferimento principale è la zona intorno al Duomo che, per indotto turistico, vale quasi 200 milioni di euro. Al secondo posto corso Vittorio Emanuele (quasi 150 milioni). I più giovani prediligono via Torino e corso Buenos Aires. La prima, sede per eccellenza delle catene in franchising e dei negozi per teen agers, ha generato guadagni per 100 milioni di euro. Corso Buenos Aires, con i suoi 65 milioni di euro si conferma il primo polo di attrazione fuori dal centro.