Milano, internet senza fili: si naviga in tutta la città

Sarà possibile connettersi a Internet da biblioteche, università e fermate Atm. Entro il 2015 ci saranno 17mila punti di accesso. Fra due anni installati ripetitori su semafori e pali della luce per
diffondere il segnale. Già pronta la rete di fibre ottiche lunga
275mila chilometri

Milano - Lunedì, tra sette giorni, si apre l’«Innovation circus», ovvero la settimana dell’Innovazione, una kermesse, promossa dal Politecnico, fatta di mostre, convegni, visite guidate per diffondere il concetto di innovazione tra i cittadini e, soprattutto, farne capire l’utilità nella vita quotidiana. Innovazione che i milanesi «calpestano» tutti i giorni senza farci neanche più caso: 275mila km - sì avete letto bene - di fibra ottica, che copre il 95% del territorio. Milano, città più cablata d’Europa, si prepara a battere un altro record: diventare la città con la più estesa rete wireless (la connessione internet senza fili) d’Europa. Il Comune ha stanziato 150mila euro per la ricerca e lo studio di fattibilità commissionato al Politecnico, che metterà a disposizione altri 95mila euro per completare il lavoro.

«Cosa vuol dire innovazione? Utilizzare le scoperte scientifiche per fare soldi, mentre ricerca è investire soldi per scoprire qualcosa di nuovo». A rispondere è Luigi Rossi Bernardi, assessore a Ricerca, Innovazione e Capitale Umano di palazzo Marino. Un assessorato nuovo quello di Rossi Bernardi, il «prof» per i suoi collaboratori, isitituito dalla Moratti e dotato di un «portafoglio» tra i più cospicui d’Italia: Milano, infatti, è l’unica a investire l’1% del bilancio comunale nell’innovazione. Certo, Milano parte avvantaggiata: sono state infatti cablate il 70% delle vie, il 60% degli edifici, l’80% delle proprietà immobiliari. Ma i primati non finiscono qui: Milano è la prima provincia italiana per imprese high tech (sono 15.200), di queste il 66% è attivo nel settore dell’informatica, ospita il 40% dell’ICT, cioè delle imprese delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Ancora il 37% dei brevetti nazionali è stato ideato nel capoluogo lombardo.

L’assessore «silenzioso», che non ama i giornalisti né comparire sui giornali o in tv - al contrario di tanti suoi colleghi - lavora nell’ombra per prepare una vera e propria rivoluzione tecnologica in città: la creazione, entro il 2009, di 4mila punti di accesso wireless in luoghi pubblici. Questo in vista di un obiettivo grandioso: arrivare nel 2015, data dell’Expo, a 17mila access point, i punti di accesso alla rete. «Con questo progetto - spiega il “prof” Rossi Bernardi - Milano si avvia a diventare la capitale europea del Wi Fi, cioè internet senza fili. Il nostro desiderio è dotare Milano, entro due anni, di una rete a banda larga e senza fili, accessibile almeno in 4mila luoghi all’aperto. Il collegamento potrebbe essere garantito da piccole antenne trasmettitrici del segnale via radio, installabili su semafori e lampioni sistemati in oltre 700 incroci, accanto alle scuole e alle università, nei centri sportivi, nelle biblioteche. Ma anche nei centri anziani, nei luoghi turistici, nella stessa metro». Ma quali sono i vantaggi di un’operazione del valore di 15-17 milioni di euro? Intanto quasi tutti i notebook dispongono di un’antenna interna in grado di recepire automaticamente il segnale, così come i cellulari e palmari a fascia alta: questo vuol dire che basta possedere un noteboook e andando in un qualsiasi luogo pubblico sarà possibile navigare su internet senza bisogno di installare internet in casa, con un notevole risparmio. E il pensiero vola a quel 45% delle famiglie milanesi che non dispone di una connessione internet, pur possedendo un portatile.

Vantaggi immediati ne avrebbe anche la sicurezza pubblica: la rete Wi Fi, infatti, permetterebbe notevoli risparmi nella videosorveglianza e nelle comunicazioni con le forze dell’ordine. Ne sono consapevoli anche le donne taxiste: una web cam nell’auto, collegata alle centrali, permetterebbe loro di lavorare in tranquillità. Per non parlare dei servizi ai cittadini, uno dei requisiti principali per vincere la candidatura all’Expo: il monitoraggio del traffico. Il resto è tutto da scoprire.