Milano invasa dai giovani di Taizè

I numeri sono da fenomeno di massa. Da domani infatti le strade di Milano, semideserte per le feste, saranno invase dai 50mila giovani che negli spazi della Fiera e in 400 parrocchie della città e dell'hinterland parteciperanno al 28º incontro della Comunità di Taizè, una 4 giorni di preghiera e riflessione che si chiuderà la mattina di Capodanno. I ragazzi - cattolici, protestanti e ortodossi - proverranno da 42 Paesi, in particolare dell'Europa dell'Est. Per capire l'importanza del meeting basta consultare l'elenco dei messaggi inviati per questa edizione ai partecipanti. Ci sono anche quelli di papa Benedetto XVI, del segretario dell’Onu Kofi Annan, del patriarca Alessio II di Mosca. Il priore della comunità, Frere Alois, prenderà la parola tutte le sere, tradotto in una ventina di lingue.