Al via Milano Moda uomo:

Passerelle per 4 giorni: piace la bellezza dell’Est Raffica di notti mondane con attrici e cantanti

Ha 20 e viene dalla Lituania. Peter Mironovos, 1,89, biondo, occhi azzurri, è uno degli indossatori più ricercati, già scelto da marchi famosi per le prossime sfilate. È un po’ teso perché sta aspettando la risposta per il defilé di Gucci ma soddisfatto per i successi negli altri casting (Krizia, Les Homme, Byblos). Ha iniziato il mestiere d’indossatore un anno fa, lavoro che gli piace al punto d’aver lasciato gli studi (università di chimica e biologia) e pure lo sport (faceva parte della prima squadra di nuoto in Lituania). «Mi piace viaggiare e questo lavoro me lo permette. Mia madre, ex olimpionica della squadra di pallavolo, è molto arrabbiata con me perché ho lasciato l’università ma le ho detto che ricomincerò a studiare».
Perché l’indossatore?
«Per caso. In una settimana mi fermarono sei agenti di agenzie diverse. Forse era il destino».
Crede ci vogliano caratteristiche particolari?
«Sono per un quarto russo, un quarto ucraino, un quarto lettone, un quarto francese. Parlo correttamente sette lingue».
In alcune sue foto lei appare con un fisico bestiale. Ora è molto più magro e meno muscoloso...
«Certe foto le scattai che ero ancora in piena attività sportiva. Ora che ho smesso il mio corpo è cambiato. L'unico sport che faccio è la corsa. Per la moda mi accorgo che vado meglio con queste misure».