La Milano multietnica in «Come l’ombra»

l visionario «pulp» Eli Roth è finito ancora una volta nell'orbita di Quentin Tarantino, produttore del primo film e co-produttore del secondo capitolo. Un vero e proprio sequel perché Hostel 2 inizia esattamente dove finisce il primo. Paxton, sopravvissuto agli orrori dell'ostello slovacco, vaga confuso per l'Europa, quando si imbatte in tre studentesse americane in vacanza studio in Italia. Un sequel con più sangue, più dark e violento. Nel cast del nuovo film, oltre a Jay Hernandez, nuovamente nelle vesti di Paxton, nei panni di una insegnante di belle arti, Edwige Fenech, la regina della commedia sexy all'italiana di serie B che per Hostel II torna su un set dopo 20 anni di assenza.
Ambientato durante la Prima Guerra Mondiale, arriva in sala Il Flauto magico (Venezia 2006), splendida trasposizione di Kenneth Branagh della celebre opera di Wolfgang Amadeus Mozart, un vero inno alla vita e alla pace in cui le storie d'amore si intrecciano sullo sfondo bellico e trionfano sulla morte. Sostenuto da un cast di cantanti lirici eccezionali con doti attoriali altrettanto valide, l'opera di Mozart è cantata in inglese su traduzione del libretto dell'attore e scrittore Stephen Fry.
Toni smorzati e tinti di giallo per raccontare una storia di solitudine metropolitana. Arriva, dopo essere stato presentato nella sezione indipendente Venice day della 63° mostra del cinema di Venezia, Come l'ombra, il film della regista milanese Marina Spada, scritto e diretto da Daniele Maggioni, pluripremiato in vari festival internazionali, che ambienta in una Milano estiva e multietnica la storia di Claudia, una donna problematica che unisce il suo lavora in un'agenzia di viaggi allo studio del russo.
Grande impatto visivo e cast internazionale per Alatriste, il film di Agustín Díaz Yanes interpretato da un Viggo Mortensen duro e spietato, che porta sul grande schermo i romanzi di Arturo Pérez Reverte, nel film più ambizioso e costoso della storia del cinema spagnolo (28 milioni di euro) girato in Andalusia. Scene d'azione perfettamente costruite, splendidi costumi (premio Goya all'italiana Francesca Sartori).
In uscita anche Le regole del gioco diretto da Curtis Hanson, storia drammatica e romantica, fortemente voluta dal regista, appassionato giocatore di poker, anche nella vita.