Milano Omicidio Crisafulli, ore contate per il killer: ha già un nome

Milano«Non ci sono dinamiche riconducibili alla criminalità organizzata - come il controllo del territorio, la guerra tra clan o regolamento di conti - dietro l’omicidio di Francesco Crisafulli: chi ha sparato voleva eliminare solo lui, un’operazione mirata, ma piena di sbavature. Un italiano di cui conosciamo già l’identità e che stiamo cercando».
Francesco Messina, dirigente della squadra mobile di Milano, non ha dubbi: il killer che domenica sera ha freddato con 8 colpi di pistola, davanti a un bar di Quarto Oggiaro, Francesco Crisafulli - 56enne fratello dei ben più noti Biagio e Alex - è arrivato e se n’è andato da solo, a piedi, armato di pistola, una semiautomatica che teneva nella cintola. Davanti al bar «Quinto» si è trovato davanti Ciccio Crisafulli, pregiudicato per reati di droga, scarcerato con l’indultino il 15 settembre 2005 dopo aver scontato un anno e 4 mesi, e altre tre persone, tutte incensurate: il tabaccaio di origine pugliese Nicola Brunetti, 56 anni; Agostino Molin Corvo, 53enne nato a Belluno e l’albanese regolare Shkelaim Hoxha, 33 anni. «Il killer, forse accecato da qualche rancore, da qualche conflittualità non di tipo mafioso - prosegue Messina - ha sparato 8 volte: 4 proiettili hanno colpito Crisafulli, gli altri hanno centrato i tre uomini presenti». Un unico testimone, che era davanti al bar, è miracolosamente rimasto illeso.