Milano regina del football Con tre squadre in serie A va alla caccia del tricolore

Milano capitale del football. Americano. La Ifl ha infatti ufficializzato le 12 squadre partecipanti al prossimo campionato italiano. Di queste ben tre sono meneghine: ai Rhinos e ai Seamen si sono infatti aggiunti i Daemons Martesana, che dopo qualche stagione nelle serie cadette sono riusciti a guadagnarsi l'approdo nella massima divisione.
Curioso, proprio nel momento in cui i fratelli del rugby annaspano nelle categorie minori (anche se Grande Milano, Asd Rugby Milano e la rinata Amatori hanno gran voglia di riscatto), il football americano raggiunge il suo apice in città. Mai Milano si era fregiata di tre team nel campionato di punta. Anche se i Daemons giocano le loro gare poco più in là dei confini comunali, a Cernusco sul Naviglio. Mentre Rhynos e Seamen restano di casa al Vigorelli. Per ora.
«Siamo molto contenti dell'obiettivo raggiunto - spiega il presidente dei Daemons, Matteo Planca - ci abbiamo creduto molto, abbiamo lavorato duramente, anche se sappiamo che andiamo a confrontarci con realtà importanti e blasonate che ci daranno sicuramente del filo da torcere. C'è tanta voglia di provare il nostro valore e di dimostrare che ci meritiamo la Ifl».
A dare lustro alla serie A dell'Italian Football League contribuiscono anche il ritorno degli storici Lions Bergamo e l'arrivo nel nostro campionato di un maestro come Joe Avezzano. Il nuovo coach dei Milano Seamen non ha bisogno di presentazioni: i tre titoli mondiali vinti con i Dallas Cowboys parlano per lui. E testimoniano la volontà dei Marinai di scalare la classifica dopo il quart'ultimo posto della passata stagione.
«La famiglia Ifl continua a crescere - commenta il presidente dell'Italian Football League, Ivano Tira - a dimostrazione del lavoro fatto in questi anni e della credibilità che la Lega ha saputo costruire nel panorama del football italiano. È importante riavere nel gruppo una realtà come i Lions Bergamo, tra i fondatori della lega, che tornano a casa dopo un anno interlocutorio in Lenaf a seguito della riorganizzazione societaria. Do il benvenuto per la prima volta ai Deamons, realtà che ha costruito molto in questi ultimi anni e che ora è pronta a dare un ulteriore slancio al proprio progetto. Sono convinto che la prossima stagione sarà ancor più interessante e ricca di colpi di scena. Ai Lions e ai Deamons va il mio in bocca al lupo per il prossimo campionato»".
Ancora da definire la formula del campionato, anche la più gettonata sembra essere quella dei due gironi a sei squadre che delineano poi la griglia dei playoffs. Importanti novità si attendono anche sul fronte della regolamentazione dei giocatori statunitensi. Si dovrebbe passare a un numero massimo consentito di quattro nel roster e di due in campo. Insomma, c'è ancora qualche dettaglio da limare. Ma la caccia ai campioni d'Italia dei Panthers Parma è aperta. Chissà non la vinca una delle tre franchigie milanesi.