A Milano Rivera rimette al centro la leggenda di Rocco: «Come lui nessuno»

Alla Mondadori di piazza del Duomo Gianni Rivera ha presentato il libro di Gigi Garanzini «Nereo Rocco. La leggenda del Paròn». Applausi, sorrisi e un pizzico di commozione

La presentazione del libro è durata novanta minuti, come una partita di calcio. Da una parte Gianni Rivera, il più grande calciatore italiano del dopoguerra, dall'altra Gigi Garanzini, giornalista, scrittore, una trasmissione sul calcio su Radio24, tra le più apprezzate e competenti. Protagonista lui: Nereo Rocco, il Paròn, l'allenatore del Milan degli anni Sessanta, amato, rispettato, simbolo di un calcio che non c'è più, ma ancora vivo nei cuori a 30 anni esatti dalla morte. Milano, la Mondadori di piazza del Duomo, Gigi Garanzini lo hanno ricordato in un libro «Nereo Rocco. La leggenda del Paron continua» (Mondadori, 16 euro) ricostruita tappa per tappa, da Trieste a Padova fino a Milano, davanti a un pubblico attento e a tratti commosso, ma con un sorriso. «Lui era unico e inimitabile» ha sintetizzato il Golden Boy. Una storia piena si amore e rivelazioni. Che Milano non vuol dimenticare.