La Milano-Sanremo festeggia il secolo sfilando in Galleria

Dopo vent’anni, torna venerdì il rito della punzonatura: da Bettini a Zabel, tutti i big in sfilata. Sabato la classicissima

Dopo venti anni tornano a sfilare nel cuore di Milano: per il Centenario. Torna la punzonatura, per l’edizione numero 98, quella dei Cento anni della Sanremo (nata nel 1907, la Classicissima di primavera non si corse solo nel ’44 e nel ’45). Torna uno dei riti più cari e tipici del ciclismo, una liturgia che nel 1986 si celebrò per l’ultima volta, sempre nel cuore della nostra città, ai giardini pubblici di via Palestro.
Torna la punzonatura, che in tempi moderni consiste semplicemente nel presentarsi davanti agli organizzatori e ai giudici, muniti di tesserino di riconoscimento e ritirare il numero dorsale. All’inizio del secolo scorso invece era una procedura estremamente più delicata. Il regolamento non prevedeva il cambio ruota. Chi forava si riparava la gomma da solo, e per controllare che nessuno barasse, cioè cambiasse la ruota, all’inizio di ogni competizione i giudici apponevano alle ruote due punzoni. Da qui il termine punzonatura.
L’appuntamento è per venerdì pomeriggio, dalle 14.30 alle 16, nell’Ottagono di Galleria Vittorio Emanuele II nel cuore di Milano. Gli sportivi potranno tornare ad abbracciare idealmente i 200 corridori che il giorno dopo daranno vita alla corsa, con inizio alle 9.05 dal Castello Sforzesco e il via ufficiale alle 9.30 in via Chiesa Rossa. «Era un’idea che avevo nella testa da diverso tempo, mi sarebbe piaciuto reintrodurla anche prima, ma non c’erano le condizioni ideali per farlo – ci ha spiegato Angelo Zomegnan, direttore di Rcs Sport, l’ente organizzatore -. Ho aspettato quindi il pretesto per poter riproporre questo rito e il Centenario della Sanremo mi sembrava l’occasione migliore. Questa è una grande opportunità per tutti: per gli amanti delle due ruote ma anche per le squadre e i corridori che tornano a riavvicinarsi alla gente. Questo è stato possibile grazie alla buona volontà un po’ di tutti: dalla Sovrintendenza alle Belle Arti, che ci ha concesso gli spazi, sia dell’Assessorato allo sport di Milano fino ai team e i corridori che hanno capito la bontà della nostra proposta».
Un palco in Galleria, un mega schermo dove scorreranno le immagini di cento anni di Sanremo, la musica jazz di Gigi Cifarelli, chitarrista con una fame atavica di bicicletta: i corridori sfileranno alla spicciolata per ritirare i numeri e concedersi all’abbraccio dei tifosi. «È una grande opportunità, che Milano e i milanesi offrono al ciclismo – chiosa Zomegnan -. Ci sono voluti venti anni, ma le squadre e i corridori hanno capito che è stato sbagliato allontanarsi dalle piazze. Per questo ci saranno il campione del mondo Paolo Bettini, Filippo Pozzato, Alessandro Petacchi, Erik Zabel, Tom Boonen e tutti i più grandi campioni del pedale. Venerdì questo dialogo tra gli appassionati e i corridori può riprendere». Per la serie: dove eravamo rimasti?