Milano si fa bella per Pasqua ma i musei lunedì «tradiranno»

Il vero problema della Pasqua è sempre più spesso il "dove vuoi", la meta insomma. Milano e dintorni propongono una serie di iniziative per tutti i gusti. L'unica nota negativa, cui siamo ormai abituati, è la serrata dei musei che a Pasquetta non faranno straordinari, osservando invece il normale orario di apertura la domenica di Pasqua. In compenso però al Museo della Scienza e della Tecnologia sono in calendario per domani e domenica attività rivolte soprattutto ai più piccoli, di teatro scientifico e laboratori per celebrare l'apertura della nuova sezione sulle "sostanze adesive", info 02.485551.
Domani i più piccoli hanno anche un'alternativa e potrebbero approfittare del museo Archeologico alle 15, tel. 02.20404175, per sapere di più su Persefone e il mito di Demetra in un racconto che celebra la primavera.
A Pasquetta aperte le mostre: a Palazzo Reale c'è l'ultima chance di ammirare l'esposizione su "L'Anima dell'acqua, da Talete a Caravaggio, da Segantini a Bill Viola", telefono 02. 29010404, dalle 14.30 alle 19.30, con tele oltre che di Michelangelo Merisi, anche di Tintoretto e Masolino. Alla Fondazione Stelline invece, nell'ambito della mostra che celebra il Futurismo e il suo teorizzatore Marinetti, 02.6597728, alle 16 si guarda avanti con Futuriamo!, una "visita gioco" per bimbi e famiglie.
Chi preferisca restare all'aria aperta potrebbe, piuttosto optare per la tradizionale Fiera dell'Angelo: dalle 8 alle 19 fra Piazza della Repubblica, via Appiani e Monte Santo, saranno oltre 300 le bancarelle di fiori e artigianato a colorare la città. Chi non sappia rinunciare alla classica gita fuori porta per il lunedì dell'Angelo, ma pecchi di idee e non abbia dimestichezza con barbecue improvvisati potrebbe affidarsi al Fai, fondoambiente.it, che organizza, in alcune delle sue sede lombarde, laboratori di decorazione di uova e successiva caccia all'uovo, oltre ad assaggi golosi e giochi. Ad aprire le porte saranno il monastero di Torba, a Gornate Olona, 0331.820301, e la villa della Porta Bozzolo di Casalzuigno, telefono 0332.624136. Al monastero in particolare, sarà anche possibile consumare un picnic, senza accendere fuochi, nel grande prato antistante il complesso monumentale.
Infine ecco tre idee per chi programmi una gita culturale fuori porta: a Como, Vigevano e Cremona tre mostre imperdibili. A Villa Olmo di Como, telefono 02.54918, ecco gli Avanguardisti russi - Chagall, Kandinsky, Malevic e il meno noto Filonov. Al castello di Vigevano si celebra il genio di Leonardo con ben due mostre: la prima riproduce, con la collaborazione della Rai, le sue tele in digitale; l'altra illustra le sue opere di ingegneria idraulica per il Ticino, 0381.690370. Infine a Cremona, al museo civico (Ala Ponzone, 0372. 407768), approda Suite 347, una serie di oltre trecento di incisioni di Picasso dall'alto contenuto erotico oltre che artistico, esposte insieme per la prima volta in Italia.