Milano-Torino, vince Di Luca e cade Bettini

L’abruzzese trionfa allo sprint. L’iridato scivola in discesa. Vuelta: primo Valverde, Cunego 13°. Oggi Parigi-Nizza con Bennati

Milano-Torino, Vuelta a Murcia, da oggi Parigi-Nizza: tutte le strade portano a Sanremo. Tutte le strade portano a Sanremo ma prima passano dalla Milano-Torino. Ieri è stata la volta di Danilo Di Luca, che ha brindato al primo successo stagionale spiccando il volo sul Superga, ideale trampolino di lancio della decana delle corse essendo nata nel lontano 1876, ha fatto scoppiare la corsa. Al tentativo di Riccò, ha risposto Di Luca, imitato da Mazzanti, Bertagnolli, Arreitunandia, Gasperoni, Noè, e il colombiano Soler. È stato proprio quest’ultimo ad attaccare in cima, restando solo con l’abruzzese che poi ha vinto agevolmente lo sprint.
«In salita mi sono proprio piaciuto - ha detto il vincitore -. In discesa un po’ meno, due o tre curve le ho sbagliate... ». È comunque rimasto in sella, cosa che non è riuscita a Paolo Bettini: l’iridato non è stato con i migliori in salita ma in discesa ha tenuto fede alle promesse d’attacco della vigilia. Una scivolata ha vanificato il suo tentativo: al traguardo è arrivato con escoriazioni alla mano e al ginocchio sinistro.
Tutte le strade portano a Sanremo ma passano anche per Murcia. Ieri pomeriggio Alejandro Valverde si è aggiudicato la cronometro di Aedo di 23 km. Vittoria netta: lo spagnolo ha rifilato la bellezza di 31" a José Angel Gomez. Bene Michele Scarponi che è stato il migliore degli “azzurri”. Benino Damiano Cunego che ha chiuso in 13° posizione a 1'23" da Valverde, leader della corsa.
Tutte le strade portano a Sanremo ma prima passano dalla Parigi-Nizza. Il via oggi con il cronoprologo di 4,7 chilometri da Issy-les-Moulineux, cittadina alle porte di Parigi. Tra i campioni più attesi, Tom Boonen, Levi Leipheimer, Bobby Julich, Frank Schleck, Cadel Evans e il nostro Daniele Bennati, che quest’anno ha già al suo attivo quattro affermazioni personali: una tappa al Mediterraneo e tre alla Valenciana, dove per tre volte ha piegato le ambizioni di Alessandro Petacchi, che da mercoledì prossimo sarà impegnato assieme a Bettini, Pozzato, Di Luca e compagni alla Tirreno-Adriatico, in attesa della Sanremo.
Perché tutte le strade del ciclismo portano lì.