1,2%Benedini alla Fiera. Al Corecom Boscagli, Savoini e RolandoLa guerra sulle nomine

Con il voto del centrodestra e l'astensione dell'opposizione il consiglio regionale ha ratificato ieri la nomina proposta dalla giunta e su cui c'era il nulla osta del sindaco Giuliano Pisapia di Benito Benedini alla presidenza della Fondazione Fiera. Fuori dall'aula i Cinque stelle che non hanno partecipato a nessuna nomina. In mattinata la giunta aveva nominato Gabriele Galli, Piero Bonasegale e Andrea Bartolini come rappresentanti della Regione nel Consiglio generale della Fondazione. Nel collegio revisori della Fondazione siederanno Paolo Bertolino (membro effettivo) e Antonio Gaffuri (supplente). Lorenzo Brocca è entrato nel cda della Fondazione Italia-Cina e Gianpaolo Giorgio Berni nel cda della Fondazione Aurelio Beltrami.
Molto più complicata la vicenda Corecom, l'ente regionale per la vigilanza sulle telecomunicazioni su cui si è consumata un'estenuante guerra di trincea con un Pdl a lungo spaccato sui nomi da votare. Nel tardo pomeriggio la tentazione di un rinvio a settembre su cui il governatore Roberto Maroni ha posto un assoluto veto e poi il voto che per il ruolo di consiglieri (con possibili galloni da vice presidenti) ha scelto l'ex assessore Giulio Boscagli spinto dall'ala ciellina e il leghista Gianluca Savoini ex direttore dell'ufficio stampa del consiglio regionale. Alla giunta di venerdì spetterà l'indicazione del presidente che dovrebbe essere la giornalista Federica Zanella. Il posto del centrosinistra va a Stefano Rolando. Nel Consiglio per le Pari opportunità l'elezione dell'ex senatrice Ombretta Colli che dovrebbe diventarne la presidente. Consiglieri per il centrodestra Daniela Libretti, Luisa Lissoni e Ilaria Nascimbene. La minoranza ha invece votato Alessandra Bassan, Loredana Bracchitta ed Elena Del Giorgio.

É la variazione fatta segnare dall'industria nel secondo trimestre 2013, in positivo rispetto al primo trimestre