«Abbiamo già votato Un quesito così non ha nessun valore»

Secondo il leader radicale va valutato l'intero progetto di ripristino dei canali

Marco Cappato, radicale, anima del comitato per i referendum ambientali del 2011, come giudica la proposta di indire una nuova consultazione sulla riapertura dei Navigli?

«Dico che un referendum è stato già fatto e che si sono persi 5 anni da allora. Ogni anno io sono andato a chiedere conto all'amministrazione Pisapia che fossero avviate le opere preliminari previste. A oggi abbiamo ottenuto solo lo studio di fattibilità».

Cosa c'è da fare ora?

«Vanno subito realizzate le opere cosiddette preliminari: il tubo sotterraneo per far defluire le acque da Nord a sud, fondamentali in caso di esondazione del Seveso, riaprire il tratto di via Gioia che collega periferia e centro. Opere fondamentali anche per dare un segnale della volontà di realizzare davvero il progetto e il ripristino della Conca dell'Incoronata e della Vettabbia».

C'è anche un coté politico...

«In termini politici e di metodo è fondamentale che si mantenga il lavoro comune fatto con la Regione e che il referendum non venga strumentalizzato dalle parti politiche».

Che differenza c'è quindi tra il referendum del 2011 e quello di oggi?

«Il referendum del 2011 era consultivo e si basava su linee di indirizzo, oggi ha senso farlo solo se è deliberativo e vincolante nei suoi effetti e se riguarda il progetto completo».

Il sindaco ha detto chiaramente in aula che il referendum riguarderà solo la prima fase.

«Ripeto: ha senso indire un referendum solo se si realizzano le opere preliminari subito e si interroga la città sul progetto di riapertura complessivo».

MBr