Addio Gran Premio? Un buco milionario

Il circuito di Monza rischia di sparire nei prossimi anni dal calendario delle gare di Formula Uno. Il patron Bernie Ecclestone, in un'intervista al settimanale «Panorama» in edicola oggi, non lo dice espressamente, ma le sue parole suonano come una pugnalata ai tifosi e appassionati. Ma anche a tutta la cittadina di Monza e di riflesso anche a Milano. Se infatti per gli appassionati si tratta di perdere le corse, per Monza la Formula 1 è un «brand» che vale milioni di euro. In una sola settimana genera un indotto turistico «diretto» di quasi 31 milioni di euro, come registra la camera di Commercio. Si tratta di oltre 10 milioni di euro per la ricettività alberghiera, altri 10 per lo shopping, oltre 8 per la ristorazione e 2,3 milioni per trasporti e parcheggi. L'edizione 2012 ha portato quasi 16 milioni di euro nelle casse degli albergatori, ristoratori e commercianti brianzoli, ma ha fatto sentire i suoi effetti anche fino a Milano dove hanno «girato» una cosa come 9milioni di euro per raggiunge anche Como e Lecco con un indotto turistico rispettivamente di 3,3 milioni e quasi un milione di euro.