Addio alle nuove moschee

Ricorsi, errori e tempo perso a sinistra. Non ci saranno i minareti sulle aree pubbliche

Niente moschee, almeno per ora Le aree messe a bando dal Comune per i nuovi luoghi di culto non saranno assegnate prima della fine del mandato amministrativo in corso. La previsione si basa su una miriade di ragioni, di ordine amministrativo, oltre che politico. La volontà politica di portare fino in fondo questa scelta, nell'attuale amministrazione comunale, non c'è. Ma se anche ci fosse stata questa intenzione, comunque, gli uomini di Giuliano Pisapia la partita non l'avrebbero chiusa comunque, anche perché ora è necessaria una variante in Consiglio e il tempo non c'è.Sul piano giuridico-amministrativo, inoltre, il bando è finito in un ginepraio. Due vertenze giuridiche su due aree. E rischia di restare esclusa una delle due più grandi realtà islamiche di Milano. Ma di queste vertenze, si occuperà il prossimo sindaco di Milano. Se vorrà.