«Agricoltura a chilometro zero Facciamo rinascere le periferie»

Philippe Daverio, critico d'arte.
Certo che ho un sogno nel cassetto per Expo. Riestetizzare la città attraverso la trasformazione dell'equilibrio tra il suo centro, la periferia e l'area agricola. Così mi piace immaginare che si intervenga affinché l'agricoltura entri nell'area cittadina, che vi penetri dentro, nell'ottica del chilometro zero.
L'asparago milanese, la gallina milanese, il gorgonzola fatto con l'erba della marcita: che arrivino qui! A un chilometro zero dalla periferia, che in questo modo risorgerebbe in una nuova quanto antica dimensione estetica; in questo modo si verrebbero a creare anche posti di lavoro grazie ad un modo di coltivare che oggi dà origine a un'agricoltura di tipo intensivo, mentre domani dovrebbe diventare specialistico.
Lancio una parola d'ordine, uno slogan molto milanese e diciamo «geniale» per Expo: «Viva la vite di Leonardo in corso Magenta!», quel vitigno che il nostro genio giocondo volle vicino a sè. Questo anno e mezzo dovrebbe essere un'occasione per ridisegnare il paesaggio meneghino esterno, ma anche quello interiore per un nuovo modo di sentirci cittadini. Le cascine moribonde risorgerebbero e per mangiare le ciliegie si farebbe come a Basilea, dove le famiglie pagano il cestino prima di entrare nel campo per coglierle il frutto direttamente dall'albero.

Commenti

Nadia Vouch

Dom, 07/07/2013 - 14:25

Adoro Philippe Daverio, direi che è per me un idolo. Tuttavia, aldilà del sogno, la vedo dura. Se non cambia il sistema burocratico e fiscale in Italia, nel piccolo si è impossibilitati ad agire. Però l'idea è bella. Cari saluti.