«Via ai quartieri a luci rosse Ecco come li faremo a Milano»

«All'estero ci sono palazzi spettacolari con ristoranti, bar, sale per giocare. I quartieri sono stati addirittura risanati. Il valore delle case è aumentato, non pensiamo a delle squallide periferie degradate». Così il segretario della Lega Matteo Salvini commenta il passaggio in commissione regionale della proposta della Lega, appoggiata da Forza Italia, Fratelli d'Italia e Movimento 5 stelle, per un referendum che abroghi la legge Merlin legalizzando la prostituzione. E annuncia l'avvio di una campagna per raccogliere le 500mila firme necessarie alla convocazione di una consultazione referendaria. «Mio figlio ha 10 anni e adesso il vero problema è spiegargli cosa ci fanno per strada quei culi e quelle tette fin dal mattino». Aggiungendo che anche a Milano è ormai necessario individuare «due o tre zone adatte» dove organizzare «una prostituzione regolata, sanitariamente controllata e regolarmente tassata». Nessun disagio, assicura Salvini, per uno Stato che incassi le tasse dalle prostitute. «Gestisce già il gioco d'azzardo, incassa sui superalcolici e le sigarette. Il sesso fa molto meno male».