Da Alan Parsons a Sting sette giorni di leggende

La maratona parte stasera al Blue Note con Rossana Casale in un recital su Gaber In Aprile, James Taylor agli Arcimboldi

Se il mercato discografico sta vivendo i suoi anni bui, non altrettanto si può dire della musica live che a Milano (e non solo) attraversa una stagione di succesSo come non mai, registrando entusiasmo e sale con il tutto esaurito. Quella iniziata ieri, ad esempio, è una ricca settimana di concerti che vede sul palco vere e proprie leggende del pop e del rock, ma anche band gettonatissime dai teenager. La maratona ha avuto inizio ieri sera con il concerto degli Spandau Ballet, vera icona degli anni Ottanta, che hanno mandato in visibilio i fan nel catino del Forum di Assago. Tutto dedicato al genio di Gaber lo spettacolo che invece vede esibirsi questa sera la cantante jazz Rossana Casale sulpalcoscenico del Blue Note. «Il signor G e l'amore» è un recital-canzone in cui l'attrice-cantante rivisita in chiave jazz, i testi in cui Gaber e Luporini affrontano il rapporto tra l'uomo e la donna come intenso ed effimero, desiderio di armonia e insieme di sfida continua. Ai monologhi e alle canzoni che trattano il tema dell'amore, fra i quali «Il desiderio», «Quando sarò capace di amare», «Ora che non sono più innamorato», l'attrice alterna alcuni dei pezzi più leggeri e scanzonati, fra cui «Il corpo stupido» e «Torpedo blu». Ma il grande evento della serata sarà quello del GranTeatro Linea4Ciak che vede il ritorno di un maestro della composizione e della tecnica sonora, il londinese Alan Parsons fondatore insieme a Eric Woolfson del gruppo progressive rock inglese The Alan Parsons Project. L'artista, ormai quasi settantenne, è agli annali soprattutto per aver contribuito con i più importanti gruppi e cantanti rock, tra cui Beatles, Pink Floyd, Al Stewart e John Miles. Dedicati a generazioni più fresche gli eventi che si tengono domani e venerdì: al circolo Magnolia, doppia data per le Luci della Centrale Elettrica che venerdì, al termine del concerto, ospiterà come guest star alla console Samuel dei Subsonica. Sempre venerdì arriva il «combat-folk» dei Modena City Ramblers che al Live Music Club di Trezzo d'Adda presentano dal vivo l'ultimo album intitolato «Tracce Clandestine».

Nel weekend, fino al lunedì, la musica si accende con un programma davvero per tutti i palati. Al Fabrique, la nuova grande sala di concerti in via Mecenate, doppio evento per gli amanti della musica anni Novanta e dell'hard rock made in Usa. Sabato il DiscoRadio Party vedrà sul palco, tra gli altri, gli Heiffel 65 , gruppo musicale eurodance italiano nato nel 1998 negli studi della casa discografica torinese Bliss Corporation. Domenica, invece, serata a tutto decibel con gli elettrici statunitensi Halestorm . Dulcis in fundo, la vera chicca è rimandata al lunedì con un'accoppiata da oscar: Sting e Paul Simon insieme sul palco del Forum di Assago, per l'unica tappa italiana dell'«On Stage Together Tour 2015». I biglietti, che partono da 40 a 185 euro, viaggiano neanche a dirlo sul tutto esaurito. Altro sold out, lunedì, è registrato per lo spettacolo di Steven Wilson al Dal Verme: famoso fondatore di Porcupine Tree e diventato un culto per tutti gli amanti del rock e del prog, sarà a Milano per una delle due date italiane del nuovo «Hand Cannot Erase Tour 2015». La grande settimana di musica si chiude anche con una notizia che conferma le anticipazioni dei mesi scorsi. Uno dei big degli anni Settanta, James Taylor , sarà in concerto a Milano sul palco degli Arcimboldi sabato 25 aprile.