Allarme degrado, Granelli contestatoIl quartiere si ribella Ferrante Aporti

Degrado, spaccio, costante mancanza di sicurezza. Un vero e proprio incubo - quotidiano - che affligge i cittadini di via Ferrante Aporti e della vicina piazza Morbegno. Dopo essersi lamentati più volte con il consiglio di Zona 2 - nel 2011 è stata presentata una mozione a Palazzo Marino a lungo rimasta senza risposta - i residenti hanno costituito il comitato di quartiere Quattro tunnel che giovedì sera si è riunito per discutere l'emergenza. E per ascoltare risposte concrete da parte dell'assessore comunale alla Sicurezza, Marco Granelli. All'ordine del giorno le questioni che stanno più a cuore a chi vive a due passi dalla stazione Centrale. Innanzi tutto la soluzione delle continue attività di spaccio, una vera e propria piaga da moltissimi anni. Perfino dopo la presentazione da parte della Lega Nord di una mozione con la quale era stata richiesta l'installazione di un sistema di video-sorveglianza. «Forse finalmente ci siamo - attacca Samuele Piscina, capogruppo del Carroccio in Zona 2 -. Dopo due anni dalla presentazione della nostra mozione l'assessore Granelli ha deciso di includere due telecamere, fra via Ferrante Aporti e piazza Morbegno, nel programma di 200 dispositivi da installare in città». È sulla tempistica, però, che Palazzo Marino latita. «Abbiamo chiesto all'assessore una data certa, visto che aspettiamo dal 2011. Ha risposto solo che la cosa si farà, senza specificare quando». Silenzio che - a quanto racconta l'esponente leghista - ha caratterizzato anche il resto dell'incontro. «I cittadini hanno fatto richieste molto concrete. Per esempio hanno denunciato la totale assenza dei vigili di quartiere - prosegue Piscina -. L'assessore si è limitato a rispondere che questa nuova figura rappresenta la grande soddisfazione della giunta Pisapia». Peccato che, a quanto racconta chi in questa parte della Zona 2 ci vive, questi vigili non si vedano praticamente mai. Come raramente si incontrano pattuglie della polizia locale e delle forze dell'ordine. «La gente racconta di vederle sì e no una volta al mese. Magari passeranno di notte, ma durante il giorno e di sera non si vedono mai», ribatte il consigliere leghista. Che poi passa al quarto punto dell'ordine del giorno: il degrado. «Intorno a via Ferrante Aporti ci sono vere e proprie discariche a cielo aperto. I nostri cittadini chiedono che siano predisposti controlli preventivi.
Dal Comune si sono limitati a rispondere loro di segnalare i casi, in modo che i servizi preposti possano intervenire». Insomma, il nodo è quello del pattugliamento del territorio, che sembra mancare. E di una sempre maggiore percezione di insicurezza da parte dei cittadini. Acuita dallo stato in cui versano i tunnel che collegano via Ferrante Aporti con via Sammartini. «Chi deve percorrerli a piedi è terrorizzato - conclude Piscina -. I sottopassi sono in mano a vagabondi che di sera si insediano anche con le tende». La battaglia è quindi destinata a proseguire. «Non ci fermeremo. Pretendiamo che il Comune dia risposte certe. E ci aspettiamo che l'assessore Granelli dopo due anni decida di visitare la Zona 2».