Alle famiglie i beni confiscati ai clan mafiosi

I beni confiscati alle mafie sul territorio milanese saranno destinati anche ad accogliere persone sole o nuclei familiari con grave difficoltà, giovani coppie economicamente disagiate e ragazze madri richiedenti asilo politico. Così ha deciso Palazzo Marino che ha specificato le finalità d'uso di 16 unità immobiliari (14 immobili e 2 pertinenze) che appartenevano alla criminalità organizzata per un valore stimato di 1,5 milioni di euro. Si tratta di un magazzino, un negozio con annessi laboratorio e cantina, sei box e sei appartamenti.
Questi beni, dalla prossima settimana, saranno oggetto di una selezione pubblica per l'assegnazione, in concessione d'uso gratuito, ad enti e associazioni che dovranno presentare progetti rispondenti alle finalità indicate. Alcune di queste sedici unità immobiliari sono interessate da ipoteca. L'Amministrazione comunale provvederà ad estinguere i debiti residui e a pagare le spese annuali di gestione ordinaria.