All'IBar Cubetto l'happy hour è sottozero

In pieno centro il locale tutto di ghiaccio, tra cocktail e brividi

Simone FinottiCercate il brivido di un happy hour a 10 gradi sottozero? Ora non c'è più bisogno di volare nel mitico Ice hotel di Jukkasjärvi, nella Lapponia svedese, nei gelidi Igloo bar norvegesi e danesi o nello spettacolare Snow Castle di Kemi, in Finlandia (comunque da vedere, ne vale la pena). Fino a fine aprile l'ebbrezza di un bel brindisi ghiacciato si può provare comodamente nel cuore di Milano, in piazzetta Liberty (via San Paolo, angolo via Agnello, a pochi passi dalle stazioni metro di San Babila e Duomo), dove da qualche giorno è aperto l'IBar Cubetto, un locale temporaneo in cui stare al freddo diventa un piacere. La tendenza si sta diffondendo un po' in tutta Europa: dalle 10 del mattino alle 21, armati di una speciale mantellina termica con tanto di morbido cappuccio antifreddo, ci si può adagiare in poltrone di ghiaccio, appoggiarsi su pareti semitrasparenti ricoperte di ghiaccio, sorseggiare su tavoli rigorosamente ghiacciati bevande servite in bicchieri di ghiaccio che ricordano un po' quelli dei vecchi spot Brancamenta. Per chi ha buona memoria, la cosa non è una novità assoluta per Milano. Già una decina di anni fa, in piazza Gerusalemme 12, c'era l'Absolut Ice Bar, attivo fino al 2006 (ora c'è un albergo). E un gettonatissimo «bar del ghiaccio» era aperto anche a Expo 2015, nel padiglione Alessandro Rosso Group. Che è poi anche promotore dell'IBar Cubetto, insieme al gruppo Townhouse hotels. Non immaginate però le atmosfere futuristiche dell'«Absolut»: anche se la temperatura è identica, qui l'ambiente è più familiare, come quello di un piccolo, accogliente rifugio di montagna, e non mancano piante e decorazioni accanto alle pareti e appese al soffitto. Entrare costa 15 euro (10 euro per gli under 18), ma è compresa la consumazione di un cocktail: si può scegliere fra alcolico o analcolico, «dry» o a base di frutta. Si va dal Sunburst Yellow (Skyy peach, succo d'arancia e Campari), al Green Ice (midori, succo d'ananas, Giffared Curacao Bleu), dal Passion Ice (con frutto della passione, vodka, succo Derby blue tropicale, Cointreau) all'Italian Green (Castagner Le Acqueviti, succo di mela verde, midori). E ancora Sunshine, con vodka, midori e succo d'ananas e le ricette esclusivamente di frutta come Fruit (a base di succo tropicale e d'arancia) e Green flavour (con mela verde e ananas). Oppure caffè freddo. E per chi rimane «scioccato» dalla temperatura siberiana c'è il più classico caffè espresso. Oppure, con il biglietto, si può ordinare una cioccolata calda al bar adiacente, Il Panino. Se poi capitate all'IBar fra le 16.30 e le 19.30, è «aperitivo time» e c'è anche l'opzione buffet. Insomma: have an «ice» day!