Anatroccoli intrappolati, arrivano i sub

I vigili del fuoco sono ormai vecchie conoscenze «amiche» degli anatroccoli e delle loro mamme che nuotano nella Martesana. In via Melchiorre Gioia 194, verso Greco, i piccoli pennuti, infatti, si trovano spesso intrappolati nella corrente e nelle reti intorno al canale perché il salto del dislivello dell'acqua in quel punto provoca una cascatella impedendo ai piccoli di nuotare. O addirittura imprigionadoli in acqua perché, non superando l'ostacolo, non riescono a nuotare controcorrente e rimangono lì, rischiando di fare una brutta fine.
Così anche ieri, poco dopo le 16, un passante che transitava lungo la ciclabile, ha chiamato i vigili del fuoco affinché arrivassero sul posto a salvare gli anatroccoli in difficoltà, impigliati nella rete ai margini del canale e che la mamma non riusciva a liberare. Come sempre i piccoli erano finiti lì senza volere, spinti da una corrente che non riuscivano a risalire.
I sub dei pompieri si sono dati un gran daffare e, alla fine, hanno riportato a riva i piccoli pennuti guadagnandosi la comprensibile gratitudine di mamma-anatra.
Sul posto si è formato nel frattempo un capannello di tifosi dei vigili che, in apprensione per la sorte degli anatroccoli, hanno seguito l'intera operazione di salvataggio.
«Ci andiamo spesso da quelle parti a liberare gli anatroccoli. Ormai questi pennuti della Martesana sono diventati dei piccoli amici» sottolineano i vigili del fuoco.