Annunci mortuari per difendere Sea

Un necrologio dal sapore amaro, quello che i lavoratori di Sea hanno affisso dentro l'aeroporto di Linate. Un necrologio dedicato alla società per cui lavorano e che, all'orizzonte, vede addensarsi nubi tutt'altro che rassicuranti. Il caso Sea Handling è sempre più spinoso, e le indiscrezioni del «Giornale» di pochi giorni fa, mai smentite, hanno svelato l'esistenza di un piano (concordato fra l'Europa e autorità locali) per lo spacchettamento della società sui cui grava una maxi multa dell'Ue. Sul manifesto, affisso all'interno delle porte dei bagni delle porte dei bagni, si legge: «Sea sta morendo, migliaia di lavoratori di Linate e Malpensa e le loro famiglie ne danno il triste annuncio ma non intendono assistere inermi alla dipartita della loro amata società». I lavoratori autori del volantino chiedono poi di inviarlo via mail al sindaco, al governo e alle autorità europee.