Appalti per la pulizia dei graffiti: sequestrati documenti ad Amsa2

In seguito alla presentazione di un esposto su presunte irregolarità nell’ambito di una gara d’appalto da 600mila euro, la sezione di polizia giudiziaria della Guardia di finanza ha sequestrato documenti nella sede di via Olgettina di «Amsa2», controllata dall’azienda municipalizzata Amsa. Il sequestro è stato disposto dal pubblico ministero Alfredo Robledo, titolare dell’indagine al momento a carico di ignoti. L’inchiesta nasce dall’esposto presentato da un’azienda che ha perso una gara d’appalto del 2006 per la fornitura della strumentazione per la ripulitura dei graffiti. Il reato ipotizzato è quello di abuso d’ufficio. «Siamo assolutamente tranquilli sulla correttezza dell»operato dell’azienda - dichiara una portavoce dell’azienda interpellata in merito al sequestro -. Aspettiamo che la magistratura faccia il suo lavoro che dimostrerà l’estraneità dell’azienda».