Apre il supermercato, accoltellata

Ha assaltato un punto vendita Simply e, armato di coltello, ha sequestrato la direttrice del supermercato. Poi nelle concitate fasi della rapina, forse più agitato della sua vittima, l'ha colpita a un fianco provocandole una ferita superficiale. L'uomo è infine fuggito con oltre 3mila euro, mentre la donna è stata trasportata in ospedale, medicata e giudicata guaribile in pochi giorni.
L'aggressione in uno dei punti più «difficili» della città i giardinetti di via Benedetto Marcello, ritrovo di stranieri clandestini, senza tetto e disperati. Tra loro qualcuno evidentemente ha potuto con calma osservare il punto vendita, studiandone orari e movimenti. Difficile altrimenti sapere che il supermercato apre molto prima dell'ingresso al pubblico. Ci sono infatti molte operazioni da compiere, come portare fuori i bidoni dei rifiuti, accogliere i camion che riforniscono gli scaffali, sistemare la merce. Per questo Marianna C., 28 anni, già alle 5.30 aveva tirato su le saracinesche, aperto le porte e acceso le luci. Approfittando delle strade quasi deserte, un uomo è sbucato dal nulla. Un po' confusa e generica la descrizione poi fornita dalla vittima ai carabinieri. «Era alto, vestiva di scuro, con un casco in testa».
Il bandito, armato di coltello, l'ha spinta dentro ordinandole di aprire la cassaforte, dove erano contenuti gli ultimi incassi del giorno prima. Il Simply infatti, come tutti i supermercati, svuota periodicamente le casse nel corso della giornata. Ma solitamente al momento della chiusura, gli ultimi incassi vengono trattenuti e custoditi in cassaforte. Altro elemento forse noto all'aggressore, vista la sicurezza con cui ha agito. Una volta dentro il supermercato l'uomo ha infatti minacciato la direttrice, ordinandole di consegnargli i soldi. In queste concitate fasi, il malvivente ha più volte spinto e strattonato la donna, e forse ferita, fino a quando ha aperto e consegnato il contante, poco più di 3mila euro. Infilati in fretta e furia i quattrini in tasca, il rapinatore è uscito di corsa dal punto vendita, sparendo a piedi nelle prime luci del mattino.
Solo a quel punto Marianna C., ha avvertito una fitta al fianco, ha abbassato lo sguardo e ha visto il sangue bagnarle gli abiti. Più tardi dirà poi ai carabinieri che in quei momenti drammatici non si è nemmeno accorta quando sia stata esattamente colpita. Lanciato l'allarme, sul posto oltre alle gazzelle dei carabinieri, è arrivata anche un'ambulanza che ha portato la direttrice al Fatebenefratelli. Nulla di particolarmente preoccupante, non un ferita «perforante» ma solo un taglio superficiale. A scopo precauzionale però, i medici hanno deciso di trattenerla per qualche ora ancora. Contemporaneamente sono iniziate le indagini degli investigatori che, con un certo disappunto, hanno accertato come l'impianto di video sorveglianza interno al supermercato non fosse ancora stato messo in funzione. I carabinieri si sono pertanto messi «a caccia» di telecamere nelle vicinanze, nella speranza abbiano ripreso il rapinatore mattiniero.