«Apro la Scala ai ragazzi nessuno l'ha mai fatto»

Pereira presenta un festival con i giovani strumentisti delle favelas. E il Comune regala 3000 biglietti alle famiglie milanesi disagiate

Primo comandamento: aprire il teatro. Nel decalogo di Alexander Pereira, sovrintendente succeduto a Lissner nella guida della Scala, il processo di socializzazione del tempio della lirica sta diventando una delle missioni fondamentali. E, caso non proprio diffuso nel nostro Paese, alle parole il sovrintendente fa seguire i fatti, con una rara capacità di motivare sponsor privati e istituzioni pubbliche in progetti-pilota dedicati ai bambini, agli studenti e alle famiglie fino a oggi poco invogliate ad accostarsi alla torre d'avorio del Piermarini. L'autonomia gestionale del teatro potrebbe essere caduta a fagiolo. Prima sono arrivate le prove aperte della Filarmonica con il contributo di Unicredit, poi il progetto ScalAperta con serate a metà prezzo, poi il «mini-Schiaccianoci» e le Grandi Opere per i piccoli da 5 anni in su, con repliche da tutto esaurito. Per quest'estate, invece, aprirà il teatro alle orchestre e ai cori giovanili del progetto «El Sistema», che in Venezuela ha coinvolto oltre due milioni di ragazzi strappati con la musica dal degrado delle favelas. L'iniziativa, che parte il 12 agosto fino al 4 settembre, coinvolgerà un migliaio di giovani strumentisti per otto concerti al Piermarini, due in Conservatorio, uno in San Marco e due al Parco Sempione. Culmine del progetto saranno i concerti diretti da Riccardo Chailly e Gustavo Dudamel e che si aggiunge agli sforzi del «Sistema Europa» e del «Sistema Italia» per promuovere l'educazione musicale in tutte le fasce sociali e di età. Mai come in questo caso, al fianco di Pereira un appassionato Filippo Del Corno, assessore alla Cultura e valente compositore. Il suo intervento, coordinato con l'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune, varrà a diffondere tremila biglietti gratuiti ai ragazzi milanesi con particolare attenzione per quelli delle famiglie più disagiate. «Oltre al contributo - annuncia Del Corno - verranno offerti ai milanesi due ulteriori concerti gratuiti che si terranno il 22 e il 29 agosto al Teatro Continuo di Alberto Burri al Parco Sempione». Sabato 22 agosto la Sinfónica Juvenil «Teresa Carreño» sarà diretta da Christian Vásquez, mentre sabato 29 la Sinfónica Juvenil de Caracas sarà diretta da Dietrich Paredes.

Pereira, da parte sua, sottolinea il fatto che oggi la Scala «è l'unico teatro europeo che devolve ben otto milioni di euro di biglietti in iniziative promozionali per la città». Detto da lui che di teatri ne ha girati c'è da crederci. Ma il suo pallino restano i giovani, per fortuna. «Aprire la Scala ai ragazzi - dice - è fondamentale perché la maggior parte dei teatri ha perso pubblico giovane proprio perché non si è fatto nulla». Sarà un agosto caldo di musica e di progetti che, si spera, germoglieranno visto che di associazioni musicali rivolte ai giovani la città non manca, comprese quelle che operano a sfondo sociale. E «El Sistema» ideato da José Antonio Abreu nel 1975, è il più vasto progetto di educazione attraverso la musica mai concepito.