Asili e campi sportivi nei padiglioni Expo

Molti stand andranno al Comune: quello della Coca Cola diventerà un palazzetto, Israele chiama la Triennale

Verranno trasformati in campi da basket, in giardini botanici, in asili nido e in ospedali. Dal primo novembre i padiglioni Expo avranno nuova vita. Ora, osannati o criticati, sono le star architettoniche dell'Esposizione, sfondo di foto e post sui social network, tanto da oscurare i temi cardine del raduno mondiale dei paesi. Ma la loro gloria non si limiterà a una stagione. Salvo qualche eccezione, verranno smontati e ricostruiti altrove così come previsto dal bando di partecipazione. Tanti Paesi non hanno ancora le idee chiare su come utilizzare il padiglione dopo Expo. Una delle soluzioni più originali è quella del padiglione Coca Cola, ideato per essere riassemblato e diventare un campo da basket. Ma sono parecchi i «regali» che Palazzo Marino riceverà da Expo: Israele ha già preso contatti con la Triennale e il Politecnico e il Vietnam lascerà tutto a Milano come «gift».

Maria Sorbi a pagina 3