Atm, ecco cosa cambierà per nove linee di periferia

Via alle modifiche di percorso per le linee 15, 24, 27, 19, 23, 73, 99, 72 e 80 che portano verso il centro

Milanesi, abbonati e utenti dei mezzi pubblici fate attenzione: tra una decina di giorni, più precisamente dal 27 aprile 5 linee tramviarie e 4 autobus modificano il loro percorso. Il cambiamento rientra nel piano di revisione dei mezzi pubblici partito lo scorso inverno. Dopo il taglio - tra le polemiche - a una decina di bus notturni che collegavano la periferia al centro, eredità di Expo e la riduzione delle frequenze delle corse della metropolitana, l'azienda ha annunciato il potenziamento e il taglio di alcune linee di periferia nelle zone di Mecenate, Vigentino e Figino. Le modifiche riguardano i tram 15, 24, 27, 19, 23 e i bus 73, 99, 72 e 80. La notizia non è passata inosservata in Comune e si sono già scatenate le polemiche a destra come a sinistra.

Il tram 24 aumenta la frequenza con 26 corse in più al giorno. Il 24 e il 15 si scambiano di capolinea, lasciando l'accessibilità a Duomo invariata: il 15 arriva in via Dogana e il 24 in piazza Fontana. La modifica tiene anche conto della necessità di migliorare la mobilità in centro, in particolare in piazza Fontana e in via Larga. Qui, infatti, i jumbo tram del 15 lunghi 35 metri - spiega l'azienda - creano problemi di traffico lungo l'asse e gli incroci di via Larga e in piazza Fontana. Il 24, invece, ha vetture lunghe 29 metri, quindi con ingombro minore.

Si allunga fino a Lambrate il percorso del 19 da Roserio (Ospedale Sacco) e i quartieri della periferia nord, assorbendo l'attuale linea del 23. Il capolinea non sarà più in via Ricasoli (Cairoli) ma il percorso prosegue su via Meravigli, Duomo, piazza Fontana, sostituendo le tratte delle attuali linee 27 e 23 e consentendo ai passeggeri di attraversare il centro senza cambiare tram, e scambiare direttamente con M1, M2 e M3.

Il capolinea del 27, proveniente da Mecenate, si attesta in piazza Fontana-Duomo mantenendo il collegamento centro-periferia. La tratta fra centro e piazza 6 Febbraio viene assorbita dal 19, con il quale interscambia in fermata, senza spostamenti.

Dovete andare all'aeroporto? Attenzione: il 73 allunga il suo percorso da Linate a piazza Diaz. A causa dei cantieri di M4 quindi non passa più da San Babila ma da via Larga e Missori (M3) fino in piazza Diaz, scambiando con M1.

La linea 99, con il potenziamento del tram 24 e il collegamento Vigentino-Duomo/Fontana, viene arretrata in Ripamonti/Vigentino da via Quaranta.

Modifiche, leggi tagli, che non piacciono a destra nè a sinistra: il presidente della commissione comunale Mobilità (Pd), Carlo Monguzzi è critico: «Alcune cose vanno bene, altre meno come l'accorpamento del 23 col 19 che attraversando tutta Milano accumulerà ritardi. Il vero problema rimane l'urgente eliminazione dei tagli di questi ultimi mesi che tanti disagi hanno causato ai cittadini». Per il consigliere di Forza Italia Fabrizio de Pasquale «non si capisce il motivo dei nuovi tagli annunciati alle linee di superficie e quelli alle frequenze del metrò. Atm ha dichiarato utili per 40 milioni di euro quindi perché creare disagi a chi usa il mezzo pubblico per recuperare 3 milioni di euro per il bilancio comunale?». Per rispondere alle richieste del quartiere Figino - spiega Atm - la 72, che arriva a San Siro (M5), viene sostituita dalla linea 80, che collega direttamente con De Angeli (M1), con più corse.