In auto verso le urne Nasce "MuoverMi"

Una lista civica (per ora social) contro la «crociata» del Comune

Quello che si chiamava una volta il «partito degli automobilisti» potrebbe davvero concretizzarsi, a Milano, nella lista civica «MuoverMi», dichiaratamente vicina al centrodestra, alle prossime elezioni comunali del 2021. Perchè la mobilità sarà secondo molti uno dei temi centrali della campagna elettorale futura e così è già stato lanciato il tentativo - per ora più «social» che altro - di costruire un «contenitore» che rappresenti politicamente «le istanze dei milanesi sin qui disattese da due amministrazioni comunali consecutive che contro gli automobilisti hanno portato avanti quasi una «crociata» ideologica e trascurate anche dalle amministrazioni precedenti. «Vogliamo porre l'accento sulla difesa della mobilità privata, intesa come libertà, necessità e fattore di crescita economica» spiegano i promotori dell'iniziativa che ha già un proprio sito web e un manifesto politico on line. L'obiettivo è aggregare comitati, «pagine social» e quanti difendano il diritto all'uso dell'auto in città «nella convinzione che il compito dell'istituzione comunale sia quello di offrire una cornice ottimale affinché i cittadini possano svolgere la loro attività con le minime interferenze ed ostacoli possibili, al fine di permettere loro di creare, col loro lavoro, ricchezza per sé, per la propria famiglia e per la collettività». Tra i tanti temi sul tappeto sollecitati da pagine Facebook come «No AreaB» e «Sostrafficomilano» da cui nasce la proposta di lista civica, ci sono le ztl, le strisce gialle e blu per la sosta (di cui si propone la totale abolizione), la riapertura al traffico di piazza Castello, l'allargamento delle carreggiate contro i «colli di bottiglia» la gestione degli autovelox, l'utilizzo degli incassi delle multe per interventi di manutenzione e miglioramento delle strade. Lanciato nelle scorse settimane, il progetto conta di prendere forma da settembre, quando verrà organizzato un primo momento di incontro.

«La sinistra radical chic milanese ha sostituito l'odio per il capitale con quello per l'auto- spiega Fabrizio DePasquale, capogruppo di Fi in Comune commentando l'idea della lista degliautomobilisti MuoverMi- Con un aerie di provvedimenti punitivi, con gabelle, autovelox a pioggia, divieti, eliminazione forzata di parcheggi, zero manutenzione delle strade, traffico volutamente congestionato come strumento di dissuasione». La direzione è stata tracciata dalla Giunta Pisapia e raccolta poi da quella guidata da Giuseppe Sala: «Non sorprende quindi che alcuni milanesi esasperati prima da Maran e poi da Granelli pensino a una lista per tutelare i loro interessi- continua DePasquale- L'importante è che sulla base dei programmi questa gruppo sia alleato del centrodestra, per evitare che i voti degli automobilisti servano a perpetrare Giunte che, senza migliorare l'ambiente, hanno massacrato la mobilità privata e con essa il lavoro e l'impresa. In ogni caso è una provocazione culturale utile contro il pensiero unico della sinistra in materia ambientale».

Commenti

evuggio

Mar, 27/08/2019 - 15:22

fate presto perchè purtroppo, se la sciagura del costituendo governo si abbatterà su di noi, il problema si porrà ancor prima a livello nazionale!