Un nuovo gestore per il car sharing più facile e aperto

Il Comune mira a far lievitare gli utenti del car sharing dagli attuali 5.500 ad almeno 16mila

Triplicare gli utenti del car sharing e quadruplicare le auto «condivise» a disposizione. Ponendo fine al «monopolio» di GuidaMi, gestito da Atm aprendo ad altri privati attraverso un avviso pubblico. A questo punta la delibera che l'assessore alla Mobilità Pierfrancesco Maran porterà in giunta a maggio. Il Comune mira a far lievitare gli utenti del car sharing dagli attuali 5.500 ad almeno 16mila. Passando a 600 veicoli, a fronte dei 132 attuali con l'obiettivo di 5-6mila prelievi al giorno. Le auto avrebbero accesso libero ad Area C e sosta libera, ma non le corsie riservate.