«Basta violenza sulle donne Serve la castrazione chimica»

«È giunto il momento di introdurre anche in Italia la castrazione chimica per pedofili e stupratori, pratica peraltro già utilizzata in diversi Paesi civili, sia in Europa che nel resto del mondo». A dirlo l'assessore alla Sicurezza della Regione Simona Bordonali che, commentando i dati diffusi dalla Corte d'appello di Brescia sul fenomeno della violenza sulle donne, dice che «siamo davanti a numeri drammatici». Sono, infatti, 515 le denunce per stupro solo nel 2014 nelle province di Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova. «Si tratta di un crimine odioso e insopportabile e chi si macchia di questo reato deve essere messo nelle condizioni di non poterlo commettere più». Aggiungendo che «si sono verificati troppi episodi che lasciano trasparire una pericolosa deriva culturale, riferita a una concezione della donna come essere da sottomettere».

Commenti

Raoul Pontalti

Mar, 03/03/2015 - 12:01

Nooo! pensa se poi la si dovesse applicare al biondino di Mapello! I leghisti ne sarebbero affranti. E al marito della Mussolini? Costernazione tra i destricoli...