Berengo Gardin dona a Milano tremila fotografieLa collezione del Castello

Il Comune di Milano ha accettato oggi formalmente la donazione da parte del fotografo Gianni Berengo Gardin di 2.874 diapositive provenienti dal suo archivio personale, un importante nucleo di immagini che andrà ad arricchire e accrescere il complesso del patrimonio culturale delle Civiche Raccolte Grafiche e Fotografiche, che ha sede al Castello Sforzesco.
La donazione consentirà di far luce sull'attività del fotografo dedicata al paesaggio e ai monumenti storico – artistici milanesi e italiani, attività condotta per molti anni grazie a importanti committenze ricevute dal Touring Club Italiano, ed è in linea con la natura e la vocazione scientifica e didattica del Civico Archivio Fotografico che conserva la documentazione del lavoro dei più importanti studi fotografici milanesi, attivi sin dagli albori della fotografia.
Accanto all'importante documentazione fotografica ottocentesca, infatti, l'Istituto conserva significative testimonianze di fotografia del Novecento, mostrando così come Milano sia divenuta, durante il secolo scorso, il centro italiano più fecondo per lo sviluppo della fotografia e di tutte le attività produttive ad essa collegate.
«Dopo la recentissima apertura della mostra dedicata a Salgado, che ha inaugurato il nuovo corso di Palazzo della Ragione come sede espositiva permanente dedicata all'arte della fotografia, ecco un'altra buona notizia che riguarda questo linguaggio – ha dichiarato l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno –. Gianni Berengo Gardin, al quale abbiamo dedicato una mostra proprio l'estate scorsa nelle sale di Palazzo Reale, è un protagonista della storia della fotografia italiana e il suo lavoro non poteva certo mancare nell'archivio del Comune di Milano, la città che lo ha accolto sin dal 1965 e lo ha visto diventare uno dei più rappresentativi interpreti della sua storia recente»