Bernardo: «Crisi idrica scongiurata»

Matteo Salvini </B>È abusiva e va chiusa ma non spetta a Palazzo Marino trovare alternative

«Gioco d'anticipo e gioco di squadra. Con questa formula abbiamo affrontato la crisi idrica in Lombardia. Forti dell’esperienza del 2003, abbiamo lavorato per utilizzare al meglio le scarse risorse. Siamo giunti così, scongiurando gravi danni, alla fine della stagione irrigua e al periodo vacanziero». Così Maurizio Bernardo, assessore regionale ai Servizi di Pubblica Utilità. «In seguito a un anno estremamente povero dal punto di vista idrologico per le scarse piogge - spiega - insieme ai tecnici abbiamo messo in atto un lavoro coordinato con tutto il sistema di regolazione dei laghi lombardi (con gli invasi di monte e di valle) per gestire al meglio le risorse per i vari tipi di utilizzo dell’acqua (irriguo e idroelettrico). Le portate dei laghi lombardi hanno raggiunto appena il 50-60 per cento. Ciò è stato possibile, pur trovandoci in una situazione di deficit idrico, perché gli interventi messi in atto dalla Regione sono frutto dell’intensa attività dei nostri tecnici che, seguendo l’indirizzo di governo, lavorano non per affrontare emergenze o allarmi inesistenti, ma per ottimizzare tutto ciò che abbiamo».