Famiglia, il Bureau delle esposizioni critica l'uso del logo per il convegno

Accuse di omofobia all'incontro "Difendere la famiglia per difendere la comunità". Il segretario del Bie condanna: "L'Expo è di tutti"

È arrivata oggi la risposta del Bureau international des Expositions (Bie), che si è espresso sull'utilizzo del logo di Expo in un convegno (Difendere la famiglia per difendere la comunità) che si terrà all'auditorium di Palazzo Lombardia e che ha destato polemiche nei giorni scorsi perché accusato di omofobia.

L'appello alla Regione perché il logo dell'Expo venisse rimosso dalla locandina dell'evento è caduto nel vuoto e il commissario unico di Expo, Giuseppe Sala, si è detto rassicurato dal fatto che il presidente, Roberto Maroni, chiuderà l'incontro, e ha promesso di "farsi garante per non far passare il concetto di omosessualità come malattia da curare".

Ma la rassicurazione al Bie non basta e il segretario generale dell'organismo, Vicente Gonzales Loscertales, lo ha detto in un'intervista a Repubblica. "Un'Esposizione universale è una manifestazione basata sul rispetto di tutto e di tutti", ha detto, aggiungendo che "la società Expo ha regole precise sulla concessione dei patrocini e non si può fare di Expo un elemento di lotta politica".

Gonzales Loscertales non attacca direttamente la Regione Lombardia ("Possiamo capire che non abbia avuto cattive intenzioni"), ma la condanna è comunque chiara: "Visto che questo convegno può essere considerato offensivo e discriminatorio, adesso bisogna rispettare i diritti di tutti. E bisogna rispettare il logo di Expo, che è di tutti".

Sempre su Repubblica, critiche sono arrivate anche da Palazzo Marino. Giuliano Pisapia, ha definito l'incontro inopportuno e slegato dalle tematiche di Expo. "Sul fronte dei diritti, Milano negli ultimi anni è diventata una città guida - dice il sindaco arancione -. Su questi temi siamo e saremo sempre in prima fila".

Commenti

Giorgio5819

Ven, 09/01/2015 - 12:56

Critichino quanto vogliono, siamo in casa nostra, comandiamo noi, i frodi si rassegnino a giocare tra le mura di casa loro.

Beaufou

Ven, 09/01/2015 - 15:14

"Visto che questo convegno può essere considerato offensivo e discriminatorio..." E perché mai, signor Vicente Gonzales Loscertales? Perché un convegno sulla famiglia può essere considerato offensivo? Le ha dato di volta il cervello, o ne è semplicemente privo? Ma mi faccia il piacere, signor Vicente Gonzales Loscertales!

Umile_

Ven, 09/01/2015 - 16:11

Caro Beaufou, questa è l'Europa. E' la nostra meravigliosa società occidentale, senza macchia e senza paura. Di cosa ti stupisci?