Bombola d’ossigeno prende fuoco: anziano in fin di vita

Trasformato in una torcia umana per preparare il caffè. Tutta colpa della bombola d’ossigeno che porta da anni per una complicazione polmonare. È accaduto ieri a San Colombano al Lambro, in via Steffenini. E ora l’uomo, Giovanni A., 74 anni, è ricoverato in condizioni gravissime al Centro Grandi Ustionati di Parma. Sono da poco passate le 9.30. Giovanni si è svegliato alle 7.30. Il solito giro tranquillo in paese e, poi, decide di prepararsi la miscela e accende il gas. Attende cinque minuti sedendosi al tavolo. Il classico borbottio. Si alza e va ai fornelli ma, prima di spegnere, vuole controllare se tutto il caffè è salito. È l’errore tragico. Il tubo in plastica che conduce l’ossigeno dalla bombola alle vie respiratorie si avvicina prima pericolosamente, poi fatalmente alla fiamma: il pensionato prende fuoco in un istante. Le fiamme, violentissime, avvolgono il suo collo, le braccia e anche il petto. Le sue grida allarmano il vicino di casa che accorre e chiama l’automedica che trasporta l’anziano a Parma.