Da Brera alle «5 vie» Una settimana raccontando il design

Al via un ciclo di incontri, mostre ed eventi sulle nuove tendenze della progettazione

Pamela Dell'Orto

Da Stefano Boeri a Giovanna Castiglioni, dalla Microsoft House alla Mediateca Santa Teresa. Sessanta appuntamenti, 20 spazi, più di 100 ospiti, 9 mostre e tanti laboratori: da oggi al 12 ottobre tornano i «Brera Design Days». Sette giorni di incontri, approfondimenti e mostre che mirano ad avvicinare il grande pubblico al design e alla cultura del progetto anche oltre il Salone del Mobile. E non c'è solo Brera perché il Comune ha lanciato anche la seconda edizione della Design Week dell'autunno, che da domani al 15 ottobre ha in calendario oltre 80 appuntamenti fra mostre e incontri per confrontarsi sulle nuove tendenze della progettazione e sul futuro della manifattura. Si parte da Brera, che con lo studio di progettazione e comunicazione Studiolabo è stata la prima a lanciare (lo scorso anno) questo momento di approfondimento aperto a tutti. «Un secondo Fuorisalone non si può fare. Se ad aprile si prova e si guarda il prodotto, a ottobre se ne parla», spiega Cristian Confalonieri, direttore creativo di Studiolabo. «Questi sono momenti didattici, ma in chiave pop: non si spiegherà come è fatta una sedia, ma si toccheranno argomenti più ampli, come l'industria 4.0, la tecnologia legata all'autoproduzione, in cui Milano è leader. Oppure l'empatia, elemento impalpabile che però contribuisce a trasformare un oggetto in icona».

I temi principali saranno proprio questi: la tecnologia, l'empatia, la progettazione intelligente. E la domenica sarà dedicata al videogioco e alla gamification, disciplina che applica le regole del videogioco ad avvenimenti culturali e sociali. I tanti dibattiti, conclude Confalonieri, saranno molto pop, e aperti a un pubblico variegato, dallo studente al pensionato.

E da domani il design invade anche altri quartieri. Dalle 5 Vie, con le botteghe storiche aperte per mostrare come gli artigiani possano creare nuovi prodotti di design, fino a Nolo, il mercato coperto di Viale Monza con gli incontri e le mostre dei giovani talenti. Tra gli eventi principali ci sono le mostre. Alla Mediateca Santa Teresa la retrospettiva sulla Linea del Carosello, che racconta gli albori del cartone animato con un documentario, gli schizzi originali e le schermate più famose. Alla Fondazione Mondadori , 5 mostre sulla grafica con manifesti introvabili. A Palazzo Morando, l'installazione «Elle Decor Grand Hotel», alle 5 vie gli eventi organizzati dalla Fondazione Cologni incentrati sul grande lavoro dei maestri artigiani delle botteghe di Milano.