Bruzzano contesta Maran e Granelli: «Il sottopasso stravolgerà il quartiere»

L'ultima riunione è stata la più dura. L'assessore alla Mobilità Pierfrancesco Maran si aspettava un tranquillo giro elettorale a Bruzzano per discutere con i cittadini del sottopasso che dovrebbe sostituire il vecchio passaggio a livello. Invece lui e il collega Marco Granelli, con delega alla Sicurezza, sono stati investiti dalle critiche dei residenti: nel progetto presentato dal Comune vedono realizzarsi una tangenziale interna alla città che va dalla Comasina a Sesto San Giovanni, invece che un comodo collegamento che unisca la parte vecchia e quella nuova del quartiere. Maran ha precisato di aver delegato la questione a Granelli visto che è di Bruzzano. Gli altri rappresentanti dell'Amministrazione hanno provato a scaricare la responsabilità su Trenord e su Regione Lombardia. Accuse respinte al mittente da Luca Perego, capogruppo leghista di zona 9: «Il Comune si assuma le sue responsabilità di fronte ai cittadini chiarendo che ha sbagliato e si impegni in una vera opera di ascolto dei residenti». Il Comune «fa un passo indietro e prende tempo per valutare altre soluzioni - sottolinea il leghista Andrea Pellegrini - Si potrebbe dire " Sante elezioni" altrimenti i cittadini di Bruzzano erano fritti». All'incontro a cui l'altra sera hanno partecipato molti residenti si è risolto in una caporetto per gli arancioni, ma non per Bruzzano.MBon