Un buco da 80 milioni, Aler rischia il crac

Un buco da 80,5 milioni di euro e un'esposizione debitoria di oltre 343 milioni. Una voragine che mette Aler Milano a rischio crack. Tanto da essere in una situazione di «gravità finanziaria» tale da «essere esposta a breve non solo al rischio insolvenza nei confronti dei propri creditori, ma anche all'impossibilità di far fronte ai pagamenti inderogabili e urgenti quali gli stipendi del personale». A denunciarlo il governatore Roberto Maroni che ieri in consiglio regionale ha presentato la relazione fatta dall'ex prefetto Gianvalerio Lombardi, oggi commissario Aler.