Al Bulgari cene stellate con Pereira e Di Pinto

(...) A Pereira, molto attento al rispetto dell'ambiente e sensibile ai temi dell'eco-sostenibilità e della biodiversità visto che coltiva un orticello davanti alla porta del suo ristorante dal quale si rifornisce quotidianamente e pesca dal vicino mare tutto il pesce proposto nei menù, non piacciono le definizioni o l'appartenenza a una categoria culinaria. «La bellezza del mangiare - dice - consiste nel non limitarsi a un solo concetto». Tra i suoi progetti l'apertura a Porto di un ristorante particolare sempre in linea coi suoi principi: una sorta di fattoria urbana. Ecco per chi vorrà partecipare a questa seconda tappa del viaggio gastronomico organizzato dal food curator Andrea Petrini, il menù Epicurea-Pereira: patata dolce e fungo Shiitake, toast di polipo, riccio di mare con mandorla amara, fave con erbette marine Halibut, caviale e cavolo rapa, tartelette al burro. Mentre il piatto che Di Pinto dedicherà e creerà in occasione dell'ospite d'onore di casa Bulgari, sarà una marmellata di cipolle con sangue di vitello, spuma di patata affumicata, cuore di vitello disidratato e ridotto in polvere sul quale verrà adagiata un'insalatina di erbe insolite con un dressing molto deciso. (Prenotazioni: fbmilano@bulgarihotels.com tel. 02805805233).Prossimi appuntamenti di Epicurea il 15 e 16 marzo con le due stelle Michelin Dominique Crenn, dell'Atelier Crenn a San Francisco, il 26 e 27 aprile con le tre stelle di Yannick Alleno, del Pavillon Ledoyen di Parigi, il 17 e 18 maggio con la stella di Matt Orlando, dell'Amass di Copenhagen, il 14 e 15 giugno con Jock Zonfrillo, dell'Orana di Adelaide. E il timido cuoco trevigiano Luca Fantin che lavora dal 2009 al Bulgari Ginza Tower di Tokyo e già ha alle spalle una stella Michelin e un curriculum stellare a fianco dei migliori chef del mondo: da Cracco a Marchesi, da Aduriz a Beck.Michele Vanossi