La buona notizia

«Torniamo a far vivere le zone sia al loro interno, sia mettendo in relazione una zona con un'altra». Questo lo spirito della caccia al tesoro «Cacciamoci a Baggio», in programma il 24 settembre alle ore 14. L'idea è di Tomas Magli che, insieme alla moglie Dolores Dalla Libera, gestisce da due anni il bar «Al Baggese» in via Masaniello 14, punto di partenza del tour.

«Abbiamo coinvolto diversi attività commerciali: dal laboratorio di cornici all'antica trattoria, dall'edicola alla gelateria. Le squadre, che saranno dai 2 ai 5 componenti, troveranno all'interno di ogni negozio un indovinello da risolvere sulla storia di Baggio. Partecipano centri di attività culturale come la Biblioteca e «Share Radio», una radio web che ci seguirà in diretta» spiega Dolores Dalla Libera.

Qual è il tesoro? Un forziere di buono sconto da poter consumare all'interno di ogni negozio. «Far rivivere una zona significa ricreare la rete di rapporti tra commercianti e clienti, spezzata dai grandi centri commerciali. Perché oggi per comperare una cornice vai fino all'Ikea, quando hai il corniciaio sotto casa? La storia è fatta da chi usa le mani per fare concretamente. Abbiamo perduto questa dimensione».

La caccia al tesoro, aperta a persone di tutte le età, dai cinque ai cent'anni, segnerà anche l'inizio di un'associazione «Viverebaggio.com», che si costituirà proprio per alimentare le attività di un centro vivace. Le iscrizioni sono aperte a tutti attraverso il gruppo Facebook «Cacciamoci a Baggio» oppure attraverso la mail cacciamoci.a.baggio@gmail.com attiva fino all'11 settembre, ultimo giorno di ammissione.