Una cabina di regia per «cambiare le abitudini dei milanesi»L'ultima trovata della giunta

Qualità della vita al primo posto, è questo il nuovo obiettivo dell'amministrazione comunale. Nasce così la cabina di regia del tempo, un'iniziativa per permettere a tutti i cittadini di Milano di riappropriarsi del proprio tempo creando nuovi spazi, cambiando le vecchie abitudini e costruendo un modello collettivo di autoregolamentazione. La giunta ha approvato la riorganizzazione dei compiti dei lavoratori all'interno dei settori della pubblica amministrazione. I primi interventi saranno sugli orari di apertura dei musei e delle biblioteche, sulla programmazione di un calendario di eventi cittadini, il tutto nell'ottica di una città più accogliente. Rimane sempre in evidenza il progetto di una mobilità sostenibile sincronizzando gli orari scolastici e lo spostamento delle merci, con un occhio puntato verso lo sport e le strutture che possano ospitare le attività fisiche dei giovani, una città su misura per le neomamme. Per ogni singola voce di intervento il comune andrà a promuovere e sostenere specifici programmi che dovranno iniziare prima della fine dell'anno, come sostiene Chiara Bisconti, assessore alla Qualità della Vita, Benessere e Tempo Libero. Secondo l'amministrazione Pisapia Milano vuole cambiare i propri orari e le proprie consuetudini, a questo scopo il comune si è dotato di un tavolo tecnico che faccia di Milano una città con al centro la vita delle persone, dove ogni spazio sia aperto quando serve, dove si possa dare importanza al tempo, facendo coesistere la frenesia lavorativa tipica dei milanesi con lo stare fermi a godersi il momento.