Caccia a sponsor per luminarie, turisti e «cervelli»

La giunta cerca partner per attirare giovani talenti e ricercatori. Investirà 250mila euro

Mentre i milanesi pensano al ferragosto il Comune apre la ricerca di «idee, progetti e sponsor» per le luminarie natalizie. Quando si dice, portarsi avanti. Ma spiega l'assessore al Commercio Cristina Tajani: «Anticipiamo l'uscita dei bandi tra agosto e settembre per agevolare chi intende investire sulla città rendendola più attrattiva, dalla periferia al centro passando per i cantieri M4».

E «la scelta di chiedere a chi vuole investire sulla città l'impegno di illuminare anche le vie e le aree più decentrate si inserisce nel disegno più ampio di favorire la solidarietà tra i diversi quartieri della città e associazioni di categoria nonché sostenere le vie interessate dai cantieri M4 affinché tutti possano partecipare a rendere Milano più accogliente». Idee, progetti e addobbi potranno proposti da associazioni di via e di categoria, enti, comitati, soggetti privati e sponsor. Nelle linee guida approvate dalla giunta, come anticipava l'assessore, è previsto che gli sponsor «dovranno impegnarsi ad attuare progetti di illuminazione non solo nelle vie e nelle piazze prescelte ma anche in località e vie esterne alla linea 90/91 portando così le luci e i colori del Natale anche nei quartieri periferici della città». In cambio potranno ovviamente esporre proprio logo o marchio sulle installazioni. Le associazioni e comitati che si faranno carico dei costi di allestimento senza sponsor potranno invece ricevere un contributo di circa 4mila euro dal Comune, che metterà a disposizione un totale di 80mila euro per i contributi. Le luminarie potranno essere allestite a partire dall'1 novembre e dovranno essere smontate entro il 31 gennaio, il periodo di accensione è previsto invece dal 25 novembre al 13 gennaio e una commissione valuterà il contenuto artistico e l'ampiezza delle proposte.

Ma il Comune è pronto ad aprire la caccia a sponsor tecnici o partner per progetti e iniziative che abbiano come obiettivo «attrarre investimenti e capitali umani nazionali e internazionali». Tradotto: progetti per attrarre giovani talenti («con specifica attenzione a studenti e ricercatori») stranieri o da altre regioni; promozione e accoglienza turistica («target giovani e famiglie» in particolare). Il Comune parteciperà alla spesa economica con un budget massimo di 250mila euro.