Caldo, black out e soccorsi. Regione al buio

Un altro giorno bollente. Record di interventi e guasti. Luci d'emergenza al Pirellone

Ancora una giornata di caldo intenso e blackout , poi forse finiranno la canicola e le contestazioni contro chi cerca di modernizzare gli impianti della città come accaduto in via Benedetto Marcello. L'anticiclone che flagella la città e tutto il nord Italia sta per mollare la presa. Da oggi, secondo il servizio meteorologico di Arpa, dovrebbe esserci una lieve diminuzione delle temperature: non una ventata di fresco, ma il livello medio dovrebbe attestarsi tra i 28 gradi e i 30. Una boccata di ossigeno per chi si è abituato ai 40 degli ultimi giorni. Un caldo africano causa di centinaia di blackout alla rete elettrica: solo nella giornata di lunedì scorso, nella zona di Buenos Aires sono saltate 165 utenze, compresi i semafori, con ripercussioni sulla circolazione finita nel caos per due ore, ma sono saltate anche le utenze del Pirellone, dove era in corso una seduta d'aula, e molte altre in giro per la città. La luce è mancata parzialmente in 80 vie e al numero verde di A2A sono arrivate 6mila segnalazioni.

Non bastasse, in questi giorni i consumi di elettricità hanno superato quelli del caldissimo 2005: ieri si sono toccati i 1625 megawatt contro i 1540 di dieci anni fa. Tanto che l'azienda ha consigliato di utilizzare i grandi elettrodomestici nelle ore notturne e i climatizzatori con una temperatura mai al di sotto dei 23/24 gradi.