Capodanno, super bonus a 213 vigili

Intesa Comune-sindacati per rafforzare i controlli: riceveranno tra 400 e 450 euro

Una pioggia di certificati medici. La notte di Capodanno del 2015 a Roma si diedero malati 767 vigili, l'83,5% degli oltre mille agenti che avevano dato la reperibilità. Un caos immediato per gestire i controlli nella Capitale, un caso politico nei primi giorni dell'anno nuovo. É un incubo che evidentemente Milano non vuole trovarsi ad affrontare, e soprattutto non vuole correre il rischio di non avere personale a sufficienza in un clima così delicato a livello europeo e mondiale. Già è scattato dal primo dicembre il rafforzamento dei presidi antiterrorismo, si è alzata la guardia in piazza Duomo, nelle vie del centro più affollate per lo shopping e i mercatini, nelle zone della movida. L'ultima notte di capodanno peraltro fu un incubo per le donne a Colonia e Dusseldorf, in Germania, per le molestie sessuali in serie compiute da extracomunitari. Si è partiti da queste considerazioni al tavolo convocato in Comune lo scorso 6 dicembre per arrivare al Protocollo d'intesa per il potenziamento dei servizi operativi di polizia locale e protezione civile firmato da tutti i sindacati, tranne la Cisl. Sarà assegnato un super-bonus, tra i 300 e 450 euro, a 143 vigili per «incentivarli» a lavorare in straordinario la notte tra il 31 e il primo gennaio. Sono previsti 400 euro per gli agenti che saranno reclutati fuori servizio («su base volontaria») e 450 euro per i graduati (nella cifra è compreso il salario accessorio). Il bonus servirà ad implementare (o garantire comunque in caso di defezioni a sorpresa, vedi il «caso Roma») le attività di presidio degli ingressi durante il concertone in piazza Duomo e i controlli in piazza Scala e nell'area del Castello (per questi compiti saranno reclutati 60 agenti e 2 ufficiali, con orario 17-3), a rafforzare il pronto intervento (34 agenti e due sottoufficiali, dalle 20 alle 6), il contrasto all'abusivismo commerciale (20 agenti e 2 ufficiali), la centrale operativa (4 operatori radio e un ufficiale), poi il controllo a bordo dei mezzi Atm, il servizio di rimozione auto, l'Ufficio arrestati e fermati. In fondo, i 6 operatori della protezione civile per i servizi in piazza Duomo (l'incentivo per loro sarà di 300 euro). Per non creare troppa «sperequazione» tra ghisa impegnati sugli stessi servizi, per 70 agenti in turno ordinario su strada è previsto un bonus da 90 o 120 euro (oltre al salario accessorio), a seconda dell'orario. La Cisl non ha firmato, contesta soprattutto le differenze di trattamento economico tra chi lavorerà in servizio ordinario: chi sarà impegnato in sala radio ad esempio non sarà meno utile dei 70 in strada. Le risorse dovrebbero arrivare dalla quota degli incassi da multe destinata al rafforzamento del Corpo.

E l'accordo Comune-sindacati ha già creato malumori tra la Polizia di Stato. Il Sap (sindacato autonomo) ha pubblicato ieri su Facebook l'accordo ironizzando: «Udite, udite, leggete e rileggete. Ai nostri colleghi vigili la notte di capodanno viene retribuita con 400-450 euro. La nostra, sempre in piazza Duomo, con una pacca sulle spalle. Incredibile ma vero». Nei prossimi giorni potrebbero bussare alla porta di prefetto e questore.

Commenti
Ritratto di nando49

nando49

Lun, 12/12/2016 - 11:37

Vuoi vede che qui in periferia dove i vigili non si vedono tutto l'anno, li vedremo solo a capodanno?