Capossela, J-Ax e Caparezza: la provocatoria estate di Sesto

Sesto San Giovanni, Monza e le altre. In estate è tutta un'esplosione di eventi musicali, all’aperto e di qualità. Anche lontano dalla metropoli. Emblematica l’esperienza targata Carroponte. All'ombra della suggestiva struttura d'acciaio della Breda di Sesto San Giovanni, su cui fino a 30 anni fa si muovevano i carrelli che trasportavano il ferro alla fabbrica, risuona la musica da vivo. Ma non solo quella. Merito della locale amministrazione comunale. Sua l'idea di recuperare l’area attorno ad uno degli spazi simbolo dell’archeologia industriale del Dopoguerra trasformandola, con la complicità dell’Arci, in uno dei poli culturali e di spettacolo dal vivo di riferimento dell'estate dell'area metropolitana milanese. A certificarlo le 100mila e passa presenze censite durante l'edizione dello scorso anno.
Il cartellone (114 date programmate, metà delle quali ad ingresso gratuito) è di livello niente male. Con concerti da qui al 16 settembre. Numerosi gli ospiti musicali di spicco. A giugno: domani l'ex Articolo 31 J-Ax e i pionieri del punk-pop californiano Offspring (mercoledì 13). A luglio: il progetto musicale Musica Nuda, firmato da contrabbassista Ferruccio Spinetti e della cantante Petra Magoni (il 3); i Gogol Bordello con la loro miscela di pop, punk e musica gipsy, tutto da ballare (il 12); il rap d'autore di Caparezza (il 13); il compositore della colonna sonora di «Amelie» Yann Tiersen (il 18); e gli statunitensi Klezmatics (il 25), davvero abili nel rileggere la tradizione musicale delle feste ebraiche dell'Est Europa. Ad agosto - per il momento -, la Banda Osiris (il 3). Poiché il programma è ancora da definire, altri nomi saranno annunciati a breve. Menzione speciale per Vinicio Capossela, atteso per la prima volta nell'area industriale riconvertita in arena concerti la sera del 22 luglio. A suo modo un piccolo, grande evento. Dopo aver conquistato tutti con il pluridecorato «Marinai, profeti e balene», monumentale e personalissimo racconto in musica sul mare e i suoi spettri, straordinario condensato di romanzo di avventura e trattato scientifico, Bibbia e teatro, il buon Vinicio, che ha la sua base operativa a Milano, suonerà dal vivo l’album «Rebetikos Gymnastas», l'omaggio al rebetico greco, nei negozi da martedì.Al Carroponte ci sarà spazio, tra le altre cose, anche per il teatro. Da tenere d'occhio i due spettacoli della Compagnia Rosè (il 2 luglio e il 12 settembre), l'eccentrica coppia Rezza-Mastrella (il 7 luglio) e Ascanio Celestini (il 24 agosto).
È questione di giorni per il via alla 12esima edizione del «Brianza Open Jazz Festival». In programma a Monza un tris di live. Tutte gratuiti e a cominciare dalle 21,15: si parte giovedì 13 col progetto messo in piedi dal bravo fisarmonicista Luciano Biondini - con lui il francese Michel Godard (tuba) e lo svizzero Lucas Niggli (percussioni) -, per proseguire venerdì 14 con il giovane e talentuoso sassofonista Felice Clemente (e il suo quartetto) e, sabato 15, con l'intramontabile Franco Cerri, pietra miliare del jazz italiano ed europeo, per l'occasione accompagnato da Alberto Gurrisi (organo hammond) e Roberto Paglieri (batteria). Non basta? C’è la rassegna «Ritmo delle città», che sarà presentata domani a Palazzo Marino. Segnaliamo i tre concerti jazz in programma alla villa La Valera di Arese: dall'Organ Combo di Vito Di Modugno (20 giugno) al tributo a Sarah Vaughan della cantante Joyce Yuille (4 luglio), passando per il quintetto dell'eccellente trombettista Flavio Boltro (26 giugno).