La carica dei lombardi ai vertici di Forza Italia Ecco novità e sorprese

C'è un discreto gruppo di milanesi e brianzoli nel comitato di presidenza nominato da Silvio Berlusconi. Milano è la culla del partito, il luogo in cui è nato, e ne è anche un'anima importante. Sei dirigenti di Forza Italia lombardi sono in “fascia alta”, nel gruppo dei trenta membri effettivi. Ecco l'ex ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla, di Lecco, oggi molto dedita alle cause animaliste. Il responsabile internet del partito, il milanese Antonio Palmieri: nell'organizzazione di Forza Italia dal 1994, area cattolica, è esperto di marketing elettorale e nuove tecnologie. È nel pool il consigliere politico di Berlusconi, Giovanni Toti, originario di Viareggio ma cresciuto negli studi milanesi di Mediaset. Ci sono il capogruppo dei senatori azzurri, Paolo Romani, il giovane sindaco di Pavia, Alessandro Cattaneo, e la coordinatrice regionale del partito, Mariastella Gelmini, che è capogruppo vicario alla Camera.
Molte conferme con la novità Cattaneo: il trentacinquenne sindaco più amato d'Italia, laurea in ingegneria elettronica, capacità di dialogare con gli elettori e di bucare il video, da molti ritenuto un Renzi di destra. Come il sindaco rottamatore, nel 2012 Cattaneo aveva fondato il movimento «Formattiamo il Pdl», conquistandosi l'epiteto di formattatore. Ora è nel giro dei big del partito.
Ma del comitato di presidenza, come membri aggiunti, fanno parte altri dieci lombardi. Il nome nuovo del gruppo dirigente è Edoardo Sylos Labini, responsabile Cultura di Forza Italia, attore di teatro e tv, marito di Luna Berlusconi, figlia di Paolo e componente del cda del Giornale. Fa parte della lista il senatore Paolo Galimberti, tesoriere di Forza Italia in Lombardia: l'imprenditore brianzolo (è di Giussano), patron di Euronics, è stato anche consigliere del Cnel. È di Monza Andrea Mandelli, senatore e presidente dell'Ordine dei farmacisti.
Tra i volti noti del partito la parlamentare Daniela Santanché. C'è il vicepresidente della Regione e assessore alla Sanità, Mario Mantovani, ex coordinatore regionale del Pdl: in un primo momento era rimasto fuori a causa di una svista, ma l'intervento di Toti ha permesso di rimediare. Nel gruppo la parlamentare Elena Centemero, prof di latino e greco di Monza, responsabile scuola di Forza Italia, e il bergamasco Gregorio Fontana, questore della Camera per Forza Italia e membro dell'ufficio di presidenza di Montecitorio.
C'è poi Enrico Pianetta, uno dei vice della Gelmini in Lombardia, responsabile nazionale degli over 65 azzurri. Nell'elenco l'europarlamentare Licia Ronzulli, nuovamente in corsa per Strasburgo. E se si considera l'area gravitazionale, si può aggiungere la piemontese Laura Ravetto, assidua in viale Monza.

Commenti

nunzio.nacci

Gio, 19/02/2015 - 13:47

cercate di essere più precisi. cattaneo è ex sindaco perchè non è stato rieletto ed è stato battuto dal concorrente di sinistra. cattaneo forse "era" il sindaco più amato d'italia. ma di quale italia? forse di quella che gira attorno a mediaset? (censurato). buona giornata

nunzio.nacci

Gio, 19/02/2015 - 13:50

chi sono e quanti sono i meridionali ai vertici di forza italia? un partito un pò nordista che perdendo i voti del sud si ridurrà al 2,9%?